Tutto quello che dovete sapere sull’Artigiano in Fiera

Artigiano in Fiera

Sabato (5 dicembre) prenderà il via, a Fiera Milano (Rho-Pero), L’Artigiano in Fiera.

Brindisi inaugurale. La rassegna, che verrà inaugurata con un brindisi programmato alle ore 12 presso la passerella dell’area Moda&Design (padiglione 4), taglierà quest’anno un traguardo significativo: la manifestazione, che andrà in scena tutti i giorni fino al 13 dicembre, dalle 10 alle 22.30, celebrerà la sua ventesima edizione.

I dati. Su una superficie complessiva di 310.000 metri quadrati, in 3.250 stand espositivi, i visitatori potranno apprezzare 150.000 prodotti provenienti da 115 Paesi. La grande novità è rappresentata dalla crescita della manifestazione: ben nove padiglioni garantiranno, infatti, una sempre maggiore rappresentazione dell’artigianato mondiale, dall’Italia (pad.1-3, 2-4 e 6) all’Europa (pad. 5-7), dall’Africa al Medio Oriente (pad. 5), dall’Asia (pad. 10-14) alle Americhe (pad. 14).

20 anni. La manifestazione – organizzata da Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa – ha preso il via nel 1996 e, negli anni, è diventata uno degli eventi sociali e culturali più apprezzati dalla gente. La kermesse, in 184 giorni complessivi, ha permesso a oltre 24 milioni di visitatori di compiere un viaggio ideale nelle tradizioni del mondo. Il grande consenso popolare è stato suscitato dall’incontro con i 17.000 espositori coinvolti in questi vent’anni: artigiani provenienti da ogni angolo del mondo hanno condotto a Milano gli usi e i costumi di 146 Paesi.

Gli eventi. Previsto un ricco calendario di eventi e di spettacoli musicali, che consentiranno ai visitatori di compiere, in nove giorni, un viaggio ideale nella cultura e nelle tradizioni del mondo. Il programma, già disponibile sul portale della manifestazione (http://goo.gl/t0rtQP), prevede numerosi appuntamenti: danze, esibizioni canore, dimostrazioni dal vivo saranno, infatti, promosse dalle delegazioni del Vietnam, dell’India, del Tibet, della Cina, del Messico, dell’Argentina, di Cuba, del Marocco, della Tunisia, dell’Ungheria, del Portogallo, dell’Irlanda, della Spagna, della Germania, della Francia e della Grecia. Anche l’Italia sarà ben rappresentata grazie ai balli tipici della tradizione siciliana, pugliese, sarda, campana e i canti folk della Val Resia. In fiera saranno ancora protagonisti i Saor Patrol, che promuoveranno la musica scozzese fatta di cornamuse e di strumenti a percussione. Il gruppo è costituito da volontari dell’associazione no-profit The Clanranald Trust for Scotland impegnata, da alcuni anni, in una raccolta fondi finalizzata al recupero del villaggio medievale di Duncarron, tra Glasgow ed Edimburgo. Fin dal primo giorno, nell’area dedicata al Tibet, alcuni monaci buddisti daranno vita alla tradizione del Mandala, un disegno fatto con sabbia costituito da cerchi e quadrati che, secondo la tradizione buddista e induista, ripercorre la genesi del mondo secondo la visione dei monaci. Inoltre, direttamente dalla provincia di Guizhou, in Cina, un gruppo composto da ballerini e flautisti intonerà musiche tipiche della cultura Miao. In programma anche la danza tradizionale di benvenuto Masai (Adamu).

Punti ristoro. I 69 ristoranti (elenco disponibile al link http://goo.gl/QhLSWZ) e aree di degustazione (segnalate sulla mappa) amplieranno l’offerta della manifestazione, che garantirà ai suoi visitatori la possibilità di assaporare specialità gastronomiche da tutto il mondo. La tradizione italiana sarà ben rappresentata da Nord a Sud grazie alla cucina veneta, mantovana, altoatesina, lomellina, bergamasca, comasca, romagnola, ligure, valtellinese, ossolana, trentina, toscana, romana, cucina napoletana, calabrese, sarda, lucana, siciliana e pugliese. L’offerta è ampliata dalla tradizione culinaria europea, africana, sudamericana, asiatica e mediorientale. Non mancherà, infine, un punto ristoro dedicato ai vegetariani e ai vegani: basato su ricette asiatiche, proporrà piatti preparati con ingredienti biologici.

I bambini. Magica Compagnia sarà presente (reception padiglioni 5-7) con entusiasmanti iniziative per i bambini, i ragazzi e le loro famiglie, tutti i giorni dalle 10 alle 22. Educatori qualificati si occuperanno dei più piccoli (dai 4 ai 10 anni) coinvolgendoli in attività, laboratori creativi e giochi organizzati nello spazio custodito di 600 mq. Prevista anche un’area nursery, che offre uno spazio riservato a tutte le mamme e ai loro bambini.

Le aree tematiche. “L’Artigiano in Fiera” si confermerà crocevia di stili e tendenze grazie alle tre aree tematiche.

AF – Abitare la Casa. In uno spazio esclusivo dedicato all’arredamento, situato nel padiglione n. 4, gli artigiani del settore allestiranno delle vere e proprie soluzioni su misura in stile moderno, country e minimal, sia per interni che per esterni. In un’area più estesa rispetto allo scorso anno, inoltre, saranno collocate delle isole abitative, che incrementeranno l’offerta delle proposte di arredo su misura. Presenti anche decine di professionisti del complemento d’arredo, che illustreranno ai visitatori le soluzioni più adatte a personalizzare gli ambienti domestici. AF – Abitare la Casa documenterà, infine, alcune delle ultime novità in tema di vivere green e di risparmio energetico nonché le ultime tendenze in tema di case prefabbricate in legno.

AF – Moda & Design. Sfilate di moda, start up innovative e tanto altro ancora nel progetto dedicato al fashion, alla sartoria artigianale e ai giovani talenti. In uno spazio che disporrà di una passerella con backstage nella sua parte centrale, saranno programmati eventi musicali, spettacoli e défilé, che garantiranno una cornice suggestiva e coinvolgente. Il progetto è dedicato, in particolare, alla valorizzazione dei giovani che, recuperando la tradizione artigiana, sono capaci di dare vita a prodotti nuovi legati non solo al mondo della moda ma anche al design e al complemento d’arredo. L’area sarà ravvivata dalle esibizioni live della banda musicale Jam session.

AF – Passione creativa. Nell’ambito dell’iniziativa dedicata agli operatori dell’hobbistica e delle arti manuali, i professionisti e gli esperti del settore daranno sfogo, nel padiglione n. 6, alla propria creatività. I visitatori potranno scoprire il processo produttivo di un oggetto, dalla materia grezza fino al confezionamento. Una grande opportunità per acquistare strumenti e materie prime, esprimendo, poi, a casa la propria fantasia. Nello spazio dedicato, la nuova area interamente dedicata ai corsi della creatività con numerosi laboratori: scrapbooking e stamping, cake design, creazione di oggetti di carta, di miniature, decorazione di stoffa con pennarelli, creazione di collane con lana cotta, articoli in stile shabby, bijoux e accessori modellati.

“L’Artigiano in Fiera sta sempre più assumendo le caratteristiche di un villaggio globale dei mestieri, delle arti e delle culture dell’umanità – ha dichiarato il presidente di Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa, Antonio Intiglietta -. La manifestazione ha offerto alla gente la possibilità entrare in contatto diretto con centinaia di Paesi attraverso i volti, le storie e le esperienze di uomini e donne. I protagonisti di quest’opera restano, dunque, gli artigiani che, nel tentativo di creare qualcosa di unico e di originale per sé e per gli altri, generano nella gente un’esperienza di stupore. Non è casuale che l’espressione più ricorrente tra i visitatori, in questi vent’anni, sia stata che bello!”.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *