Terremoto, Artigiano in Fiera e Fiera Milano sostengono le imprese

terremoto-umbria

Il recente terremoto che ha scosso Umbria, Marche e Lazio ha messo in ginocchio numerosi centri. La rapida ricostruzione dei territori più colpiti dal sisma è, oggi, una tappa cruciale, così come le attività e le misure a sostegno del tessuto economico e produttivo locale.

Come riporta un articolo pubblicato da Artimondo Magazine, anche il mondo delle fiere è intervenuto in questa direzione, con l’obiettivo di offrire un aiuto concreto alle imprese dei territori coinvolti. Artigiano in Fiera, la più grande rassegna internazionale dedicata all’artigianato, e Fiera Milano hanno deciso di mobilitarsi insieme.

La prossima edizione della manifestazione, che si terrà dal 3 all’11 dicembre nel polo fieristico di Rho-Pero, ospiterà un’area offerta gratuitamente con i prodotti tipici delle zone colpite dal sisma.

Con profonda commozione e desiderosi di contribuire alla ricostruzione – ha dichiarato Antonio Intiglietta, presidente di Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa, società organizzatrice di Artigiano in Fiera – mettiamo volentieri a disposizione il nostro evento per le imprese che hanno subito danni da questo terremoto e che vogliono rimettersi in gioco, certi che il bello e il buono sono i fattori decisivi di ogni ripartenza.

Fiera Milano ha, inoltre, deciso di offrire gratuitamente alle imprese delle province di Rieti, Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo spazi espositivi nelle sue mostre dirette come Homi, Tuttofood, Bit, Sposaitalia, Chibimart, Promotion Expo).

Ciò che ci sta passando davanti agli occhi in questi giorni è qualcosa che ricorderemo per lungo tempo – ha dichiarato Corrado Peraboni, ad di Fiera Milano -. Il sisma che ha colpito il Centro Italia è una tragedia che ha colpito tutti. Anche se l’emergenza post terremoto è ancora in pieno svolgimento, vogliamo già pensare alla ricostruzione, soprattutto mettendo in luce le eccellenze del territorio. Con questo spirito scendiamo in campo per aiutare chi ha bisogno.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *