Acqua micellare: lo struccante che ama la pelle

Latte detergente? Tonico? Struccante? Per la pulizia del viso, oggi, c’è chi sceglie una soluzione detergente a base acquosa: l’acqua micellare.

Come afferma un recente articolo di Artimondo Magazine, questo prodotto è presente sul mercato da più di vent’anni, anche se ancora è poco conosciuto. Nasce, infatti, negli anni ’80 ed era diffuso nel mondo della moda e delle sfilate per garantire, rapidamente, il cambio di trucco.

Alla base c’è, appunto, l’acqua a cui vengono aggiunte microsfere di tensioattivi. Le “micelle”, al contatto con la pelle, sono capaci di attrarre lo sporco. L’acqua micellare può contenere anche sostanze idratanti e lenitive, oltre ad estratti vegetali e minerali. Vi sono, inoltre, numerosi prodotti destinati, in particolare, alle pelli delicate, grasse e irritate.

A differenza di altri articoli presenti sul mercato, l’acqua micellare deterge in profondità la nostra epidermide senza aggredirla, eliminando trucco, sebo in eccesso e purificando la pelle dallo smog delle nostre città.

Grazie alla sua particolare composizione, idrata la pelle: è la ragione per cui sempre più donne utilizzano l’acqua micellare come struccante. È sufficiente porne una dose sui tradizionali “dischetti”, massaggiando lentamente la pelle del viso.

Per eliminare il mascara resistente all’acqua, invece, è necessario posizionare il cotone sulla palpebra, lasciando agire l’acqua micellare per qualche secondo.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *