Il potere balsamico del legno di pino cembro

pino cembro

Raggiunge l’età di mille anni ed è in grado di resistere a temperature fino a 50° sotto zero: il pino cembro (o cirmolo che dir si voglia) è un vero campione di longevità e duttilità.

In Italia cresce soprattutto sulle montagne altoatesine, fino a quasi duemila metri di quota, ma lo si può trovare anche sulle Alpi occidentali, nel cuneese e in Val d’Aosta. Non è un gigante, infatti raramente raggiunge i venticinque metri di altezza. Non è neanche un campione di bellezza: il fusto è sottile e l’abbondante ramificazione non presenta intervalli regolari. Il tesoro del cirmolo è custodito nel suo legno.

È tra i più facili da lavorare e si presta sia per la costruzione di mobili, che per la scultura e gli intarsi. Le tipiche camere da letto di legno grezzo chiaro, che chi è stato in Alto Adige ha sicuramente incontrato, sono fatte di pino cembro! Oltre alla sua grande lavorabilità il cirmolo ha un’altra caratteristica peculiare che lo rende unico: il suo potere balsamico.

Il legno di questa pianta, regina delle Alpi, è intriso infatti di sostanze resinose che oltre a regalargli (e regalarci!) un profumo intensissimo, lo rendono un autentico toccasana, in particolare nelle ore di sonno, se si ha la fortuna di dormire respirando gli effluvi di cirmolo. La sua capacità di coadiuvare il riposo notturno è stata studiata e dimostrata da uno studio austriaco, da cui è emerso che durante una notte passata a dormire in una camera di mobili di cirmolo il cuore rallenta il suo battito facendo “risparmiare” all’organismo quasi un’ora di pulsazioni.

Le proprietà del pino cembro hanno spinto gli artigiani a studiare svariate soluzioni per sfruttare la forza questo materiale, oltre alla classica collocazione di armadi o letti di cirmolo in casa propria. Una possibilità, certamente più economica, è il cuscino con interno in trucioli di pino cembro, spesso mischiati con altri semi naturali per ottenere il massimo beneficio (e comfort) possibili. Anche semplici sacchettini di segatura di cirmolo, piazzati in posti strategici come cassetti e armadi, permettono di godere delle grandi proprietà rilassanti delle essenze che il legno emana.

L’ultimo grande pregio del cirmolo è che la sua capacità di inebriare gli spazi in cui è collocato non scema con il passare del tempo, a dimostrare che il legno è un materiale vivo, anche decenni dopo essere passato dallo stato di pianta a quello, più prosaico, di mobile!

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *