Il bergamotto, l’oro verde della Calabria che fa bene alla salute

bergamotto

In Calabria lo chiamano, a ragione, oro verde, visto che in questa regione si concentra l’80% della sua produzione mondiale: parliamo del bergamotto, un agrume prezioso e ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo. Caratterizzato da un intenso colore giallo-verde brillante il bergamotto, di cui non si conoscono le origini precise, come aspetto ricorda il pompelmo, ma ha dimensioni molto più piccole.

Viene coltivato principalmente lungo la costiera ionica nella provincia di Reggio e nella zona di Melito di Porto Salvo, Prunella e Caredia, in tre cultivar, ovvero femminello, più produttivo ma con frutti di dimensioni minori, castagnaro, con frutti più grossi e rugosi, e fantastico. La produttività è fortemente influenzata dalle condizioni climatiche, in particolare dalle piogge e dalla temperatura (la pianta non sopporta il freddo e la piovosità scarsa o troppo abbondante), mentre la raccolta avviene nei mesi invernali, tra ottobre e marzo.

La storia del bergamotto nel nostro Paese risale al Settecento: venne infatti importato in Calabria in quel periodo e nell’Ottocento si iniziò ad estrarre dalla buccia, dai fiori, dalle foglie e dai rami il suo profumatissimo olio essenziale, molto usato nella cosmesi, in profumeria, ad esempio per la produzione dell’acqua di colonia, e per aromatizzare il famoso tè earl grey.

Consumato anche fresco o sotto forma di succo il bergamotto è considerato un vero e proprio frutto della salute: questo perché oltre a contenere vitamine (A, C e del gruppo B), sali minerali come potassio, sodio, calcio, magnesio, e sostanze antiossidanti come i polifenoli e i flavonoidi che contrastano l’azione dei radicali liberi e l’invecchiamento cutaneo, come ha dimostrato uno studio dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” grazie alla sua assunzione è possibile aumentare i livelli di colesterolo buono HDL e contemporaneamente ridurre trigliceridi, glicemia e colesterolo cattivo LDL. Inoltre può essere un vero toccasana durante la stagione fredda: grazie alla sua azione analgesica, antibatterica e antinfiammatoria infatti può essere di aiuto per contrastare le malattie da raffreddamento.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *