Artigiani: il bello e il buono del loro lavoro in un click

I più recenti dati riferiti allo sviluppo dell’e-commerce in Italia raccontano di un comparto in grande spolvero. L’ultimo rapporto sul tema ha, infatti, certificato l’incremento del fatturato complessivo delle vendite online (+10% rispetto all’anno precedente).

Ma non solo: gli utenti acquistano di più tramite l’accesso da smartphone (36 milioni di persone), che ha ampiamente superato il numero delle transazioni effettuate tramite l’accesso da desktop.

Il nuovo trend costituisce una circostanza positiva, oltre che un’opportunità, per le piccole imprese e gli artigiani, spesso frenati nello sviluppo della propria attività dalle difficoltà legate all’ingresso nei mercati globali. Il tessuto economico del nostro Paese non potrà, dunque, che trarne vantaggi: il sistema economico italiano è, infatti, basato sulle micro imprese (94,8%). E in Italia, tra le micro imprese, 1.327.006 sono artigiane (fonte Unioncamere, 2017).

C’è chi questa sfida l’ha lanciata qualche anno fa, precisamente nel 2014. Ge.Fi. –  Gestione Fiere Spa (la società che organizza da oltre 20 anni a Milano L’Artigiano in Fiera, la più grande manifestazione internazionale dedicata all’artigianato) ha dato vita all’e-commerce Artimondo, una piattaforma internazionale che consente alle piccole imprese artigianali di promuovere e di vendere i propri prodotti tutto l’anno, in tutto il mondo.

Lo scopo di Artimondo è quello di ampliare, grazie alla rete, il business degli artigiani supportandoli concretamente nella gestione della propria vetrina online (ordini, packaging, customer care, comunicazione). Sullo shop online gli artigiani possono caricare i propri prodotti su una vetrina che dispone di una presentazione dell’azienda, con una forte identificazione del prodotto, di chi lo realizza, della sua storia e della sua esperienza.

Un modo per raccontare al mondo il patrimonio di arti e mestieri custodito, da Nord a Sud, all’interno delle botteghe italiane.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *