L’eccellenza umbra che tutto il mondo ci invidia: il maiale brado di Norcia

C’è un prodotto italiano che, per qualità e bontà ha fatto il giro del mondo, riuscendo a finire persino sulla tavola della Casa Bianca: parliamo del maiale brado di Norcia, del prosciutto principalmente ma anche pancetta, lonza, guanciale e molti altri salumi. La particolarità del maiale brado di Norcia è che viene allevato, come già suggerisce il nome, allo stato brado ovvero in totale libertà: i suini (suino nero e grigetto di Norcia) nascono e passano tutta la loro vita all’aperto, nella splendida cornice del Parco nazionale dei Monti Sibillini, a quasi 1000 metri d’altezza tra prati e boschi.

Quello dell’azienda agricola Fausti è un allevamento a ciclo chiuso, unico nella zona, con impatto ambientale pari a zero: i circa 400 capi si cibano soltanto di quello che si può trovare in natura ovvero ghiande e pascoli. Le carni hanno un sapore molto particolare dato che riescono ad assorbire molti aromi naturali, e sui terreni della zona non vengono utilizzate sostanze chimiche. Solo così è possibile ottenere prodotti pregiati, molto ricercati dagli amanti del buon cibo.

Anche la lavorazione delle carni, che viene effettuata lungo tutto l’arco dell’anno, è completamente naturale, non vengono utilizzati conservanti o antiossidanti e in base alla stagione di macellazione si otterrà un sapore diverso: i prodotti dell’autunno e della primavera infatti sono generalmente caratterizzati da un sapore più delicato mentre quelli invernali da un sapore più deciso con sentore di bosco.

Questo lungo lavoro, attento e meticoloso, negli anni ha ottenuto numerosi riconoscimenti (premio Good Pig, Oscar Green Economy 2011, Allevamento Etico), e il prosciutto del maiale brado di Norcia è stato premiato con l’oro alle Olimpiadi del Gusto di Londra nel 2012 come miglior prosciutto al mondo. Purtroppo nel 2016 l’azienda agricola Fausti è stata duramente colpita dal sisma che ha scosso UmbriaMarche e Lazio e, come altri imprenditori della zona, negli ultimi anni ha dovuto rimboccarsi le maniche e faticare non poco per rimettersi in piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *