Abbigliamento in bamboo, la fibra naturale che fa bene alla pelle

Per gli esperti dell’abbigliamento bio è la fibra naturale per eccellenza. È il bamboo, un filato naturale che sta sostituendo in molti casi il cotone o il legno nell’arredamento. I motivi sono molteplici: è un tessuto naturale più resistente del cotone stesso, è traspirante, anallergico, antibatterico ed è una fibra biodegradabile e sostenibile al 100%. Le piante di bamboo, infatti non necessitano di grandi quantità d’acqua, né di pesticidi o fertilizzanti.

Conoscere le caratteristiche di questa pianta permette di capire i vantaggi di vestire capi in bamboo. La specie più utilizzata nel settore tessile è il “Phyllostachys Heterocycla Pubescens”, una qualità di bamboo molto alta (può arrivare fino a 30 metri di altezza) che raggiunge la maturità in circa 4 anni e che può vivere fino a cent’anni. La velocità di crescita di questa pianta (fino a un metro in una sola notte) la rende una fonte rinnovabile e del tutto sostenibile.

Il bamboo ha radici che germogliano sottoterra e crescono verso fonti di umidità, sopravvive in poco spazio e in condizioni atmosferiche estreme. Ha quindi una riproduzione molto rigogliosa e spontanea e funge da compattante e nutriente del terreno. Inoltre, riduce le emissioni di gas serra e produce il 35% in più di ossigeno rispetto alle altre piante. Insomma, a differenza di molte altre fibre tessile (naturali e chimiche) l’utilizzo del bamboo non è impattante per l’ambiente, anzi. I vantaggi si moltiplicano se si considera che riduce la tendenza ad accumulare umidità e sudore sulla pelle: è una fibra fresca d’estate e calda d’inverno, ideale per tutti i tipi di pelle, anche quelle più sensibili.

Il bamboo fa bene alla pelle e non solo perché è anallergico: è ricco di pectina del miele, sostanza salutare per l’epidermide e impermeabile ai raggi U.V. Il benessere di questa fibra si percepisce anche dal tatto: i capi in bamboo sono soffici, morbidi e leggere anche dopo ripetuti lavaggi. Per scegliere l’abbigliamento in bamboo è sufficiente controllare l’etichetta: un buon capo confezionato con questa fibra deve avere almeno l’80% di bamboo e il resto filati misti (cotone, elastane o altro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *