Gli artigiani continuano a reagire alla crisi: i dati Unioncamere e Infocamere

Imprese artigiane 2017

Quello dell’artigianato è uno dei settori che hanno avvertito di più la crisi degli ultimi anni, ma dal 2014 è in netto recupero e nel 2017 ha raggiunto il saldo migliore degli ultimi cinque anni tra chiusure e aperture di nuove imprese.

Purtroppo la crisi non è ancora finita e dunque anche l’anno scorso, come negli otto anni precedenti, il saldo totale è comunque negativo, con 11mila imprese in meno rispetto al 2016, ma viene confermata la tendenza al recupero cominciata quattro anni fa.

Insomma, nonostante la crisi sia ancora persistente, si vede finalmente la luce in fondo al tunnel. Secondo quanto riferito da Unioncamere e InfoCamere, sulla base dei dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio, il calo delle cessazioni di impresa si attesta sul livello minimo dell’ultimo decennio, con 92.265 unità, mentre il calo del numero di quanti decidono di avviare un’attività artigiana è di 110mila unità e dunque è dell’8%, ma il saldo negativo è il più basso degli ultimi cinque anni.

Per quanto riguarda la distribuzione geografica delle imprese artigiane in Italia, il Trentino Alto-Adige registra una crescita dello 0,03% (8 imprese in più rispetto al 2016), mentre a livello provinciale troviamo Reggio Calabria con un +0,85% (83 imprese in più), Bolzano con lo 0,71% (95 imprese in più), poi Milano con un +065% (455 imprese), Tarato con un +0,17% (13 imprese), Trieste con un +0,11% (5 imprese) e Monza con un +0,05% ossia 11 unità in più rispetto all’anno precedente.

C’è una sensibile crescita delle attività artigiane nel settore del Noleggio, agenzia di viaggio, servizi di supporto alle imprese, dove si è registrato un saldo positivo del 3,6% con 1.807 imprese in più, in aumento anche i settori dei servizi alla persona e della comunicazione, mentre è in perdita dell’1,4% il settore delle costruzioni, così come quello della manifattura, che registra un calo dell’1,5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *