Lo zenzero, la pianta “buona” in cucina e che fa bene alla salute

Zenzero benefici

Lo zenzero è una pianta erbacea il cui nome scientifico è Zingiber officinalis e appartiene alla famiglia delle Zingiberacee. È originaria dell’Asia tropicale, in particolare il Paese che ne produce di più è l’India, anche se ci sono alcune varietà che provengono da altre zone del mondo, come la Nigeria.

Lo zenzero è molto usato in cucina come spezia, spesso sotto forma di polvere, si accompagna bene con moltissimi piatti, dalla carne al pesce, fino al dessert. Basti pensare al cosiddetto gingerbread, ossia il pan di zenzero, un impasto per biscotti diffuso in tutto il mondo soprattutto nel periodo natalizio. Questa pianta è nota e amata, non solo per il suo aroma, ma anche per le sue virtù, tanto da essere usata da sempre per curare alcuni disturbi molto comuni.

Le radici dello zenzero contengono un olio essenziale caratterizzato da un forte odore e da un gusto dolce e piccante allo stesso tempo. Questo olio è ricco di sesquiterpeni, alcoli, metileptanone e sostanze piccanti. Il rizoma può essere usato, sia fresco sia essiccato, per ridurre la secrezione gastrica e dunque si rivela un ottimo alleato contro disturbi molto comuni come nausea o vomito.

Un decotto di zenzero e l’estratto cristallizzato hanno un effetto stimolante sulla mucosa dello stomaco, favorendo così la digestione ed esercitando anche un’azione protettiva del fegato. Inoltre, sempre grazie alle sue proprietà digestive e carminative, aiuta a eliminare il gas in eccesso dallo stomaco e dall’intestino. Svolge anche un’azione antinfiammatoria.

L’olio essenziale estratto da questa pianta è utile anche per chi soffre di nausea da viaggio: in questo caso basta annusarlo, altrimenti si può anche bere una bevanda a base di zenzero prima di partire.

Tuttavia è bene ricordare che in caso di presenza di calcoli biliari oppure per le persone che soffrono di patologie gastriche come reflusso gastroesofageo o ulcera, lo zenzero va assunto con cautela o completamente evitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *