Design del riuso: accessori moda amici dell’ambiente

Design del riuso accessori moda amici dell'ambiente

Quando un accessorio può definirsi eco-friendly ossia amico dell’ambiente? Potremmo dire che lo è quando ha queste caratteristiche: è prodotto usando materie prime naturali e all’insegna del risparmio energetico oppure quando è ottenuto attraverso il riciclo. Quando si parla di riciclo si può intendere o l’utilizzo di materie effettivamente riciclate oppure si può anche intendere come “riuso”.

In particolare nel caso degli accessori moda (ma anche in altri settori come per esempio quello dell’home decor) si parla di riuso creativo e consiste nel dare una seconda vita a materiali che già ne hanno avuta una, ossia che sono già stati utilizzati per un fine completamente diverso e che ora andrebbero buttati, ma, invece di gettarli via, si trova un modo creativo, appunto, per riutilizzarli.

Esistono aziende, come per esempio Fritlex di Alex Gavazza, che producono borse, zaini, portafogli e altri accessori moda utilizzando o meglio ri-utilizzando camere d’aria di automobili e biciclette. Un materiale che ha avuto già un suo ciclo di vita in un settore, dunque, viene usato in modo completamente diverso e in un settore che con il precedente non ha nulla a che fare, per creare qualcosa di originale e unico. E soprattutto per evitare che il materiale in questione diventi spazzatura. Le camere d’aria, che non sono una materia prima naturale, in questo caso diventano comunque amiche dell’ambiente, perché non lo vanno a inquinare, ma vengono riutilizzate e dunque non gettate via.

Ci sono molti altri esempi di questo tipo con i materiali più impensati che sarebbero destinati ai bidoni dell’immondizia, ma invece, grazie alla creatività di alcuni artigiani, è come se venissero “rimessi al mondo” e utilizzati per dare vita a qualcosa di completamente diverso, ma ugualmente utile.

Ovviamente anche nel momento in cui si utilizza del materiale riciclato, affinché un accessorio si possa considerare eco-friendly è necessario che anche il nuovo processo di produzione in cui tale materiale viene impiegato sia rispetto dell’ambiente e in particolare improntato al risparmio energetico e non sfrutti in alcun modo gli animali né inquini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *