Sistemi salva spazio per la raccolta differenziata

Più un comune è “riciclone”, maggiori saranno gli spazi che il cittadino virtuoso dovrà dedicare ai sistemi per la raccolta differenziata. E un problema condiviso da molti è proprio quello degli spazi: chi abita in appartamenti senza giardino o balcone deve convivere con l’annosa questione di come organizzare la raccolta di umido, plastica, vetro, carta e indifferenziata. Il consiglio più semplice è quello di creare un’area della casa o della cantina adibita solo alla spazzatura: un angolo del balcone, la parte sottostante il lavello, lo sgabuzzino, la lavanderia. Per evitare odori sgraditi, insetti e il proliferare di batteri è preferibile suddividere i vari materiali in sacchi di plastica da inserire in contenitori di metallo o di plastica. Il modo più efficace per risparmiare spazio? Utilizzare dei contenitori impilabili, di modo da sfruttare lo spazio verticalmente.

Sistemi raccolta differenziata, consigli sulla gestione dei rifiuti

La regola base per limitare il volume dell’immondizia è di ridurre il più possibile i contenitori da buttare: schiacciare le lattine, le bottiglie di plastica, appiattire le scatole di cartone. Un altro metodo efficace consiste nel creare delle matrioske riciclabili inserendo nei contenitori più grandi i contenitori più piccoli: mettendo, ad esempio, in una bottiglia di plastica del latte (che non si può ridurre in nessun modo) sacchetti di plastica o incarti più piccoli. Altra buona pratica per una raccolta differenziata senza cattivi odori, utile soprattutto nei mesi più caldi, è di risciacquare con cura tutti i contenitori dai residui alimentari e quelli per l’igiene personale prima di gettarli.

I contenitori, specie quello dedicato all’umido, andrebbero lavati una volta a settimana con acqua e aceto o acqua e bicarbonato, ottimi rimedi casalinghi naturali per disinfettare ed eliminare i cattivi odori. Ed è proprio la raccolta degli scarti alimentari a creare più problemi in termini di gestione casalinga: l’alternativa, ove gli spazi lo consentano, è creare una compostiera, un contenitore all’interno del quale il rifiuto organico subisce la trasformazione in compost. Di solito questa pratica prevede delle agevolazioni o degli sconti sulla tassa dei rifiuti ed è un comodo rimedio per evitare di tenere l’umido in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *