Perché il succo di aronia fa bene alla salute

L’aronia melanocarpa o aronia nera è una pianta appartenente alla grande famiglia delle Rosaceae (sottofamiglia delle Maloideae) che produce delle piccole piccole bacche viola dalle notevolissime qualità antiossidanti. Secondo lo United States Department of Agriculture, l’aronia melanocarpa è uno degli alimenti con le più alte proprietà antiossidanti.

Del resto gli studi scientifici certificano che l’aronia nera è il frutto a bacca più ricco di queste sostanze, essenziali per tenere a bada l’azione dei radicali liberi, quindi per contrastare l’invecchiamento cellulare e le patologie correlate.

Caratteristiche e proprietà dell’aronia melanocarpa

I frutti dell’aronia melanocarpa sono simili ai mirtilli, per aspetto e colore; decisamente più allappante il sapore (causa tannini) reso però più dolce dal periodo di maturazione (quello autunnale) e dai processi di lavorazione che attenuano il gusto aspro senza disperdere le proprietà del frutto. Le bacche possono essere consumate fresche o essiccate, da questi piccoli ma potenti frutti si ricava anche il succo di aronia.

Il viola così scuro delle bacche è dovuto proprio all’elevatissima concentrazione di antociani, pari a circa 1480 mg ogni 100 grammi di bacche fresche (il triplo circa dei mirtilli). L’ ORAC (Oxigen Radical Assorbence Capacity) dell’aronia melanocarpa è pari a 16.062 micromol ogni 100 grammi di bacche fresche.

Se le proprietà antiossidanti dell’aronia sono ascrivibili alla grande quantità di sostanze polifenoliche contenute – ovvero di flavonoidi, antociani e tannini – la buona presenza di vitamine C, K, minerali e fibre completa il quadro delle proprietà nutrizionali e benefiche dell’Aronia melanocarpa.

Le sostanze polifenoliche oltre a contrastare l’azione dei radicali liberi e i processi degenerativi dovuti all’invecchiamento hanno proprietà antibatteriche, antivirali e antiaterogene (ostacolano cioè il colesterolo e altri fattori alla base di aterosclerosi). La vitamina K è amica delle ossa, la C è molto importante per la formazione del collagene quindi per la pelle. Le fibre stimolano l’attività intestinale.

Le proprietà dell’aronia melanocarpa però non si esauriscono qui. Continuiamo a conoscerle attraverso l’azione che esercita sul nostro organismo bere del succo di aronia.

Il succo di aronia

Contenendo anche acido chinico, l’aronia contrasta le infezioni del tratto urinario: bere succo di armonia aiuta quindi a purificarlo. Ma bere succo di aronia oltre che avere proprietà antiossidanti e depurative del tratto urinario fa bene anche al nostro cuore, perché rafforza la circolazione del sangue e irrobustisce i vasi sanguigni, prevenendo per questa via coagulazione e altri disturbi cardiovascolari, agendo in definitiva da freno contro possibili malattie ischemiche del cuore.

Più in dettaglio, studi di laboratorio (condotti su suini) hanno mostrato come il succo di aronia rafforzi la crescita delle cellule endoteliali dei vasi sanguigni e abbia un effetto antiaggregante sui trombociti, proteggendo dunque le arterie coronariche. Più in generale, gli effetti benefici sulla circolazione dell’aronia, specie in caso di capillari che tendono a dilatarsi e rompersi facilmente, sono dovuti alla capacità degli antociani di combattere l’aggregazione piastrinica e la vasodilatazione esercitando un’azione benefica sul microcircolo che se mal funzionante è causa dei disturbi ai capillari così come del gonfiore alle gambe.

Secondo altri studi condotti sull’uomo il succo di aronia riduce il colesterolo totale, compreso “il cattivo” LDL, e gli altri lipidi presenti nel sangue. Studi condotti su maschi adulti hanno mostrato che bere succo di aronia riduce in modo importante la concentrazione del colesterolo totale, di quello LDL e dei trigliceridi mentre aumenta la concentrazione del colesterolo cosiddetto buono (HDL).

Secondo un altro studio l’assunzione giornaliera da parte di un gruppo di uomini di 200 ml di succo d’aronia per tre mesi è risultata efficace nel tagliare zuccheri e i trigliceridi presenti nel sangue. Assunto a stomaco vuoto il succo dei frutti di aronia nera ha fatto calare i livelli di glucosio in pazienti con diabete (non dipendenti da insulina) suggerendo una possibile applicazione del prezioso frutto per la cura del diabete di tipo 2.

L’aronia ha proprietà benefiche anche per la vista, in quanto gli antociani rafforzano le resistenza dei capillari della retina, migliorano la vista notturna e quella dell’occhio stanco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *