Sugar detox: l’alimentazione giusta per depurarsi dagli zuccheri

Gli zuccheri possono provocare una vera e propria “addiction”, una dipendenza. Essi, infatti, appena assunti ci fanno sentire bene, ci danno energia e anche allegria, ma dopo un po’ il loro effetto finisce e allora abbiamo bisogno di assumerne ancora. In più, nella maggior parte dei casi, gli zuccheri sono contenuti in alimenti e bibite che attraggono anche da un punto di vista puramente estetico e questo contribuisce a farceli vedere come dei “buoni amici” che ci tirano su.

Il problema è che l’eccesso di zuccheri è gravemente pericoloso per la nostra salute. Troppi zuccheri ci fanno salire la glicemia e costringono il pancreas a liberare insulina per far entrare il glucosio nelle cellule, in modo da bruciarlo e produrre energia, ma se è troppo, il glucosio in eccesso viene trasformato in trigliceridi, che vanno a ostruire le nostre arterie, provocando patologie cardiocircolatorie, e vanno anche nel tessuto adiposo, facendoci aumentare di peso, e nel fegato, portando fino all’insulino-resistenza.

All’eccesso di zuccheri sono collegate diverse malattie, dal diabete di tipo 2 all’ipertensione, dall’insufficienza renale all’ovaio policistico, ma anche il sovrappeso, l’osteoporosi, la stanchezza, i disordini del metabolismo dei grassi fino addirittura alle malattie neurodegenerative possono essere aggravate o favorite da un’alimentazione troppo ricca di zuccheri. Per questo è importante non esagerare e assumerne solo lo stretto indispensabile. Vediamo come fare per trovare il giusto equilibrio e per depurarsi dagli zuccheri.

Sugar detox: il diario alimentare

Per intraprendere un cammino di sugar detox occorre prima di tutto tenere un diario alimentare, perché questo ci consente di esaminare bene le nostre abitudini a tavola e di andare a scovare tutti gli zuccheri che siamo soliti assumere nell’arco della giornata. Nel tenere un diario alimentare occorre essere molto scrupolosi, segnare tutto quello che abbiamo mangiato e bevuto, spuntini compresi.

In questo modo individueremo al meglio non solo quanto e quando mangiamo, ma soprattutto che cosa e di quello che consumiamo dobbiamo andare a studiarci le etichette, per capire quanti zuccheri contiene, se ci sono zuccheri aggiunti o zuccheri “nascosti”. Ci sono infatti molti alimenti che ci sembrano privi di zucchero, ma se andiamo a leggere per bene gli ingredienti ci accorgiamo che ci sono eccome, anche i più impensabili.

Sugar detox: i sostituti dello zucchero

Succo di bergamotto senza zucchero

Succo di bergamotto senza zucchero

Il Chai alla vaniglia decaffeinato e senza zucchero

Il Chai alla vaniglia decaffeinato e senza zucchero

Una volta individuati tutti gli zuccheri che consumiamo grazie al nostro diario alimentare, dobbiamo eliminarli e trovare i “degni” sostituti dello zucchero. Per esempio come dolcificante (sia per preparazioni calde, sia per quelle fredde) possiamo usare la stevia o il D-galattosio, per pietanze da cuocere in formo possiamo usare l’isomaltulosio o per drink e dessert al cucchiaio possiamo utilizzare il ribosio. Si tratta di zuccheri che fanno meno male del saccarosio, ossia il comune zucchero da cucina. Altri dolcificanti utili sono il sorbitolo, lo xilitolo, il mannitolo, il lattitolo e il maltitolo.

Per limitare l’apporto di zuccheri al nostro organismo è fondamentale scegliere, tutte le volte che è possibile, alimenti che non li contengano. È bene fare particolare attenzione alle bibite, che spesso ne contengono moltissimi per avere un miglior sapore. Nel negozio di succhi di frutta di Artimondotrovate buonissimi e salutari succhi di frutta senza zucchero, particolarmente consigliata la spremuta di bergamotto, un frutto che ha tantissime virtù e aiuta a mantenere il salute il cuore e le arterie.

Sugar detox: dieta e movimento

Quando ci si vuole disintossicare dagli zuccheri, ovviamente, il passaggio più importante consiste nel trovare la dieta giusta. Partiamo con il dire che la migliore è sempre la dieta mediterranea, ricca di frutta e verdura di stagione, cereali, pane, pasta , riso, legumi, patate, pesce, carne bianca e olio extravergine d’oliva. Bisogna assolutamente evitare il junk food, che è ricchissimo di grassi e zuccheri, dannosi per la salute e per la linea, e preferire invece cibi dolci, ma salutari, come frutta, patate dolci, pastinache, carote e altre cruditè.

Nella dieta da seguire l’ideale è consumare frutta fresca a inizio giornata, in particolare quella meno dolce come mele, pere, banane, mirtilli, pompelmo e fragole, cui si possono accostare muesli, pane o fette biscottate integrali e yogurt naturale. A pranzo occorre mangiare carboidrati a rilascio lento come legumi e cereali integrali, carne o pesce, verdure in abbondanza e derivati della soia, a cenameglio puntare sulle proteine, in particolare pollo, tacchino, pesce, qualche volta manzo, poi anche in questo caso verdure, uova e formaggio.

È sempre molto importante accostare a una dieta sana ed equilibrata un po’ di attività fisica. Questo non significa che bisogna necessariamente iscriversi in palestra, ma basta prendere degli accorgimenti come usare le scale invece dell’ascensore, la bici per brevi spostamenti, fare lunghi tratti a piedi e ogni tanto una bella passeggiata a passo svelto, che oltre che al corpo, fa bene anche alla mente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *