Contrastare le allergie primaverili con prodotti naturali


Si tratta di allergie stagionali che si scatenato in primavera e possono proseguire fino all’estate a causa dei pollini che riempiono l’aria. Si manifestano quando si avvertono fastidi come naso chiuso e che cola, prurito al naso, alla gola e talvolta anche alle labbra e alla bocca, prurito e arrossamento degli occhi che possono anche arrivare a lacrimare, tosse, fiato corto, respiro sibilante o addirittura asma, eritemi.

Quando il nostro organismo entra in contatto con un allergene, ossia una sostanza a cui è allergico, si manifestano i sintomi che abbiamo appena elencato perché il corpo comincia a produrre una proteina che si chiama istamina e che scatena la reazione allergica. Nei casi gravi si è costretti a ricorrere a farmaci detti antistaminici.

Quando i problemi non sono troppo gravi e si può evitare l’assunzione di farmaci, è possibile ridurre i fastidi delle allergie primaverili ricorrendo ad alcuni escamotage che riguardano sia lo stile di vita, sia l’alimentazione, sia il ricorso a rimedi naturali.

Prima di tutto è bene prendere alcuni semplicissimi accorgimenti: evitare di passare troppo tempo seduti e praticare un po’ di sport, per esempio il nuoto, che aiuta ad aumentare la ventilazione polmonare, oppure lo yoga. Evitare di passeggiare in campi o giardini in cui ci sono piante in fiore, stare particolarmente attenti nei giorni in cui c’è vento, perché fa circolare i pollini ancora di più. Se proprio volete passeggiare all’aperto fatelo dopo una scosciata di pioggia.

Nelle ore del giorno in cui c’è una maggiore concentrazione di pollini, di solito tra le 10 e le 16, è meglio tenere le finestre chiuse. Se nell’auto c’è l’aria condizionata, occorre installare un filtro anti polline. In casa usare un aspirapolvere con filtro HEPA per ridurre la presenza di allergeni. Appena tornati a casa fare una bella doccia e lavare i capelli, per togliere tutti i possibili residui di polline che potete avere addosso. Ricordiamo che è bene usare sempre gli occhiali da sole, perché la luce incrementa il fastidio agli occhi in caso di allergie. Inoltre è meglio evitare fumo e alcol, perché fanno produrre più muco e quindi peggiorano la congestione del naso già duramente messo alla prova dall’allergia. È ovviamente consigliato usare un cuscino anallergico per dormire.

L’alimentazione contro le allergie primaverili

Legumi contro allergie

Su Artimondo c’è una vasta selezione di legumi e cereali

Per alleviare i sintomi delle allergie primaverili è importante mangiare alimenti che non liberino istamina e, anzi, ne inibiscano il rilascio, inoltre occorre consumare cibi ricchi di Vitamina C, omega 3 e flavonoidi, perché aiutano l’organismo ad affrontare il contatto con gli allergeni e ad alleviare i sintomi.

Quinoa soffiata senza glutine per allergici

La quinoa soffiata senza glutine si può usare in cucina in molti modi, anche per creare deliziosi snack

Quindi nel periodo clou della diffusione di pollini, meglio evitare alimenti come cioccolato, salumi, formaggi, pomodori, fragole e alcuni tipi di pesce (molluschi e crostacei), perché liberano istamina, ridurre anche latte e latticini perché possono portare a una ipersecrezione di muco che aggrava i sintomi dell’allergia. Da evitare il più possibile grassi e zuccheri.

Prediligere, invece, mele, uva, carote, cereali, meglio se senza glutine come la quinoa o il grano saraceno. Come fonte di omega 3, visto che non tutto il pesce è d’aiuto in questo caso, meglio affidarsi ai semi di canapa e all’olio di semi di lino. Consigliatissime inoltre le cipolle, perché contengono composti solforati che inibiscono la risposta allergica e infiammatoria e sono ricchi di sali minerali e Vitamina C. È bene anche mangiare agrumi, banane e altri cibi ricchi di magnesio come fagioli, verdure a foglia verde e cereali integrali. I flavonoidi, oltre che nelle già citate mele, cipolle e agrumi, li troviamo anche in broccoli, legumi, lattuga e anche nel prezzemolo.

Rimedi naturali contro le allergie

Infuso bio liquirizia e zenzero

Ottimo per ridurre i sintomi delle allergie: l’infuso bio liquirizia e zenzero

Ci sono diversi rimedi naturali che aiutano a prevenire o ridurre il rilascio di istamina e quindi a limitare le reazioni allergiche. Oltre ai cibi che abbiamo consigliato per l’alimentazione quotidiana, troviamo anche delle erbe aromatiche e spezie che si possono usare in vari modi, come condimenti oppure sotto forma di infusi o per l’aromaterapia. Si tratta di camomilla, echinacea, zenzero, basilico, finocchio, aglio, ginkgo biloba, radice di liquirizia, alga spirulina, rodiola, guaranà ed eleuterococco. Queste piante si possono usare per creare degli infusi da bere o per un uso topico su eventuali eritemi ed eruzioni cutanee.

Contro allergie olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale di lavanda ha proprietà antinfiammatorie e sedative

Tra i rimedi più validi troviamo poi l’aceto di mele, di cui bastano due cucchiaini diluiti in acqua da bere tre volte al giorno per pochi giorni, l’ortica, da usare per un decotto, il tè verde e il ribes nero, da usare come estratto (in poche gocce) o per infusione. Consigliata anche la rosa canina che è una ricchissima fonte di Vitamina C e si può usare come tisana o infuso.

Anche gli oli essenziali possono essere molto utili per contrastare gli effetti delle allergie primaverili. In particolare sono consigliati l’olio essenziale di limone, quello di rosa damascena o centifolia, di eucalipto, di camomilla romana, ma soprattutto l’olio essenziale di lavanda, perché ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche, antispastiche, analgesiche, antibatteriche, antimicotiche, calmanti e sedative e dà un immediato sollievo contro i sintomi più fastidiosi delle allergie, aiutando a riposare meglio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *