Quali legumi mangiare per prevenire colesterolo e diabete

Se c’è un alimento che proprio non può mancare in una dieta sana, equilibrata è salutare, sono certamente i legumi. Essi apportano al nostro organismo proteine vegetali, fibre e lo aiutano anche a prevenire diabete e colesterolo. Sono infatti in grado di abbassare i livelli di LDL (Low Density Lipoprotein), il colesterolo cattivo, e inoltre, avendo un basso indice glicemico, aiutano anche a stabilizzare un altro importante valore come la glicemia. I legumi sono perfetti per chi deve stare attento a non ingrassare e, allo stesso tempo, vuole conservare la massa muscolare.

Il bello dei legumi è che ce ne sono diversi tipi, che più o meno vanno incontro a tutti i gusti, che si possono trovare in tutte le stagioni e che si possono mangiare in tantissimi modi, dalle zuppe in inverno alle insalate d’estate passando attraverso una grandissima varierà di ricette. Ma vediamo quali tipi di legumi sono più efficaci nella lotta contro diabete e colesterolo. ricordando che è possibile trovarne un vasto assortimento nel negozio di legumi di Artimondo.

I legumi che aiutano contro colesterolo e diabete

Legumi assortiti

Su Artimondo trovate confezioni assortite di legumi misti pugliesi: lenticchie, ceci neri e bianchi, cicerchie e fave sgusciate.

Tra i legumi che proprio non possono mancare nella nostra dieta ci sono senza dubbio le lenticchie: esse, infatti, sono un toccasana per abbassare la colesterolemia, in quanto aiutano a ridurre i livelli di LDL nel sangue e favoriscono l’assorbimento sia del colesterolo che introduciamo nel nostro organismo con gli alimenti, sia di quello degli acidi biliari che si riversano nella cistifellea. Inoltre sono ricche di fibre, Omega 3 e ferro e apportano una buona quantità di proteine vegetali.

Molto utili sono anche i ceci, un concentrato di magnesio, fibre e folato, quest’ultimo particolarmente importante per ridurre l’omocisteina, un amminoacido responsabile dell’aumento del rischio di infarto e ictus. Aiutano a ridurre anche il rischio di altri tipi di malattie cardiocircolatorie perché il loro contenuto di magnesio migliora la circolazione sanguigna e dunque l’apporto di ossigeno ai tessuti.

Da non sottovalutare anche i fagioli, in particolare quelli bianchi, che permettono di ridurre i livelli del colesterolo LDL di circa il dieci per cento. Si possono mangiare in molti modi e anch’essi apportano proteine vegetali. Sono praticamente indispensabili in una dieta vegetariana o vegana.

Non dimentichiamo poi i piselli, con il loro indice glicemico minimo che li rende particolarmente adatti a chi soffre di diabete di tipo 2. Si possono usare anche come contorno perché hanno la capacità di ridurre il picco glicemico che si ha dopo ogni pasto e quindi permettono di assimilare più lentamente i carboidrati e quindi evitano che gli zuccheri arrivino troppo velocemente nel sangue.

Infine troviamo un tipo di legume che si gusta soprattutto in primavera e in estate: le fave. Contengono fibre, acqua e proteine, mentre sono quasi completamente prive di grassi. Sono un cibo ipocalorico se consumate fresche e aiutano la motilità intestinale e la diuresi. Sono anche ricche di ferro per cui consigliate a chi soffre di anemia. Grazie al ricco contenuto di fibre aiutano a prevenire il colesterolo e il diabete, perché tengono sotto controllo la glicemia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *