Prodotti bimbo naturali, quali scegliere per la pelle del tuo bebè

prodotti bimbo naturali sono la scelta ideale per prendersi cura della pelle delicata dei più piccoli. Privi di petrolati, siliconi e parabeni, i cosmetici naturali garantiscono una detersione soft che non aggredisce l’epidermide del bebè e danno la giusta idratazione. Ma quali sono i prodotti che non possono mancare sul fasciatoio del piccolo di casa? Si parte dalla crema per il cambio, da applicare sulle parti intime ad ogni cambio di pannolino e che aiuta a tenere a bada gli arrossamenti e le irritazioni: le più efficaci contengono l’ossido di zinco, la calendula e il burrò di karitè, tutti principi astringenti e lenitivi. Continua a leggere

Perché i cosmetici a base di latte d’asina sono un toccasana contro il freddo

Quando le temperature si abbassano la nostra pelle – soprattutto quella di viso e mani, le parti del nostro corpo più esposte alle intemperie – viene messa a dura prova, e se non la proteggiamo a dovere in poco tempo possono comparire fastidiose screpolature e arrossamenti: per questo motivo nella nostra beauty routine quotidiana non devono mai mancare i prodotti giusti, come i cosmetici a base di latte d’asina. Il perché ce l’ha svelato chi questi prodotti li produce (e li vende anche su Artimondo.it).

Secondo Gisella Zambito (per Agrilife di Moira Donati) «i cosmetici a base di latte d’asina sono ideali durante la stagione fredda perché il latte d’asina contiene il lisozima, che oltre ad essere un battericida naturale è in grado di penetrare a fondo nella pelle». Questo enzima ha due funzioni: «Il lisozima ha un’azione cicatrizzante mentre l’epidermide si sta formando, per questo lo strato di pelle nuova risulta migliore. Inoltre ha un effetto riequilibrante, per cui l’uso di prodotti a base di latte d’asina è ideale ad esempio nel caso in cui si soffra di acne o dermatiti. Praticamente il lisozima da un lato dona alla pelle quello che le manca, dall’altro dona equilibrio».  Continua a leggere

Cura dei capelli, come scegliere pettini e spazzole

La scelta del pettine e della spazzola è fondamentale per la bellezza dei capelli. Spesso, infatti, ci si preoccupa solo del tipo di shampoo, del balsamo o delle maschere da usare, e si trascura il fatto che, invece, se non si sceglie la spazzola più adatta al nostro tipo di capelli, il risultato sarà insoddisfacente indipendentemente dai prodotti usati per lavarli.

Bisogna considerare, infatti, che la bellezza dei capelli dipende dalla salute del cuoio capelluto, che ha bisogno di essere massaggiato per stimolare la circolazione sanguigna, in modo da avere capelli più lucidi, brillanti, sani e farli crescere più velocemente.

Continua a leggere

Capelli grassi: le buone abitudini per prendersene cura

Il problema dei capelli grassi è molto diffuso sia tra gli uomini sia tra le donne e le sue cause possono essere diverse: da squilibri ormonali a stress, dalla scelta sbagliata dei prodotti da usare per lo shampoo a un’alimentazione non corretta.

Abbiamo già visto quali sono i cibi che fanno bene ai capelli e nel caso di quelli grassi sono particolarmente consigliati quelli ricchi di vitamine, sali minerali (soprattutto calcio, rame e zinco) e proteine come uova, carne pesce. Ora andremo a vedere quali sono i principali rimedi per ovviare a questo problema e i prodotti consigliati per la cura dei capelli grassi.

Prima di tutto ricordiamo che per capelli grassi si intendono quelli che hanno un aspetto unto e oleoso e tali si presentano anche al tatto, si sporcano molto facilmente e tendono ad appiattirsi e a perdere volume.

Continua a leggere

Crema idratante, come scegliere quella più adatta al proprio tipo di pelle

E’ importante sapere come scegliere la crema idratante per il viso: nutrire la pelle del viso infatti fa parte dell’abc della bellezza soprattutto in vista dei cambi di stagione. Il rischio è quello di trovarsi ad avere a che fare con screpolature, piccole imperfezioni o con un colorito spento e opaco.

Bisogna però prestare attenzione che la crema sia adatta al proprio tipo di pelle per cui prima di effettuare la scelta è sufficiente eseguire un rapido test visivo: se la pelle presenta alcune zone arrossate, ruvide o spente, si tratta di pelle secca mentre se la cute è soggetta alla comparsa di punti neri e brufoli ed è oleosa, con i pori dilatati, la pelle è grassa. La pelle mista invece è un insieme delle due caratteristiche già elencate, e il viso presente la cute secca in alcuni punti e grassa in altri – ad esempio sulla famosa ‘zona T’, ovvero fronte, naso e mento -.

Continua a leggere

La storia dello shampoo, dall’antichità ad oggi

La storia dello shampoo così come lo intendiamo oggi nasce tardi, nella prima metà del XX secolo. La parola e l’antenato dello shampoo moderno sono già conosciuti però almeno 150 anni prima. Il termine shampoo deriva dall’hindi “champo” che sta per “fare pressione, massaggiare i muscoli” e sarebbe stato introdotto in Gran Bretagna intorno al 1760 da Sheikh al-Din Mohammad che aprì a Brighton il primo bagno pubblico per il lavaggio dei capelli in cui oltre a fare “champi”, appunto lavare i capelli, si praticavano massaggi terapeutici.

Continua a leggere

Il pizzo di Cantù, una tradizione tramandata di generazione in generazione

Il pizzo di Cantù è un merletto la cui origine risale tra le fine del 1300 e il 1400 e che viene realizzato intrecciando fili di filati come seta, lino o cotone. I fili vengono avvolti su dei fuselli e l’intreccio viene lavorato su una base di appoggio, ossia il tombolo, che consiste in un cuscino di forma cilindrica imbottito di crine. Il tombolo viene appoggiato su un cavalletto e, grazie a una asticella di legno, resta inclinato. In dialetto canturino il pizzo è detto “ul pizz”, i fuselli “i oss”, il tombolo “ul cusin”, il cavalletto “ul pundin” e l’asticella “la taparela”.

Continua a leggere

Dentro i gioielli: la storia del ciondolo

Il ciondolo inteso come pendente o medaglia è un oggetto ornamentale di varia foggia, dimensione e materiale che in genere pende da un nastro oppure da una catenina.

Un po’ come era in uso per le insegne cavalleresche pendenti dall’occhiello dell’abito o dal collo di chi le portava: ricordiamo i ciondoli e livree romane, da quelle patrizie a quelle diplomatiche e plebee.

Continua a leggere

Dolori mestruali, i migliori rimedi naturali per combatterli

dolori mestruali (o dismenorrea) sono un disturbo che ogni mese colpisce moltissime donne sia nei giorni del ciclo che qualche giorno prima del suo arrivo per tutta la durata dell’età fertile.

Portano con sè una serie di sintomi tra cui fastidiosi crampi addominali, mal di testa, nausea e mal di schiena e per provare a combatterli si deve sicuramente adottare uno stile di vita più sano: oltre a mettere al bando il fumo è necessario prima di tutto integrare un po’ di attività fisica costante, perché tramite lo sport – es. nuoto, yoga o pilates – il nostro corpo si rilassa e rilascia endorfine, una sorta di antidolorifico naturale.

Continua a leggere

Menopausa, i trucchi per rimanere in forma

La menopausa è un periodo molto delicato nella vita di una donna, perché comporta instabilità emotiva e anche trasformazioni che riguardano il suo corpo. Uno dei rischi maggiori è quello dell’aumento di peso. Sia chiaro, che le forme diventino più “morbide” è normalissimo, ma l’importante è restare entro certi limiti.

In particolare è fondamentale tenere sotto controllo il girovita che non deve superare gli 88 cm di circonferenza. Al di sopra di questa misura, infatti, sono più alti i rischi di incorrere in ipertensione, ditate e malattie cardiocircolatorie. È, dunque, un problema relativo più alla salute che a un fatto estetico.

Continua a leggere