Di cosa sono fatti i collant?

Lycraspandex ed elastam sono tutti sinonimi e indicano una fibra sintetica caratterizzata da un filo elastico continuo di poliuretano segmentato. In particolare Lycra© è il marchio dell’azienda Du Pont che la produce, ma che oggi non è più leader nel mercato perché ci sono anche molti altri marchi che trattano questo tipo di fibra.

Si presenta come un tessuto a maglia in cui il filo è composto da una sequenza di multifilamenti rigidi a sezione circolare inframmezzata da catene di filamenti flessibili che si distendono, allungandosi, se sottoposti a trazione. L’elasticità del filo resta inalterata ed esso si può usare nudo, mono o doppio, ricoperto, ritorto o interlacciato. Continua a leggere

Stretch: caratteristiche e storia del tessuto elasticizzato

Con il termine stretch si indica un tessuto caratterizzato da una certa elasticità dovuta al fatto che per produrlo vengono usati fili elasticizzati “corespun” (anima elasticizzata ricoperta) i quali vengono abbinati ad altri filati non elastici che possono essere pressoché di qualsiasi tipo, dalla lana al cotone, dal cashmere all’alpaca, dalla seta al lino e queste fibre possono anche essere mischiate tra loro.

Lo stretch può essere mono-elastico o bi-elastico ed estensibile o solo nel senso della trama o in entrambe le direzioni. Come detto in apertura, si ottiene usando un filato composto da due o più fibre e da queste combinazioni si può avere una vastissima gamma di intrecci su telaio a navetta: dai denim ai gabardine, dai rasi ai velluti, dai jersey alle ciniglie. Continua a leggere

Post depilazione, i prodotti naturali da usare per evitare arrossamenti

Che siate fedeli al rasoio, alla ceretta o all’epilazione indolore, la cura da dedicare alla pelle dopo una seduta depilatoria deve sempre essere specifica e curata. Meglio ancora se il post depilazioneprevede prodotti naturali in grado di alleviare arrossamenti e lenire l’epidermide. Ogni metodo, infatti, lascia segni più o meno evidenti, sia sulle gambe che sulle zone più delicate (ascelle, inguine e sopracciglia). Esistono tantissimi metodi di depilazione più o meno dolorosi, più o meno naturali. Con metodi naturali si intendono tutti quei procedimenti che contengno prodotti vegetali senza paraffine e che quindi consentono di diminuire densità follicolare e agire nel pieno rispetto della nostra pelle. La prima azione necessaria dopo la depilazione è agire sul rossore e utilizzare una crema emolliente. Prima, però, è bene utilizzare qualche precauzione ed evitare di rendere ancora più sensibile la pelle durante l’epilazione. Continua a leggere

Dormire bene: cibi che aiutano a conciliare il sonno

Dormire bene è importantissimo per recuperare le energie e affrontare al meglio la giornata. Non sempre si va a letto del tutto sereni sereni e se il periodo lo richiede, oltre a rimedi naturali per dormire meglio, possiamo approfittare di alcuni alimenti pro sonno che in virtù delle loro proprietà conciliano il riposo.

Alimenti pro sonno per dormire meglio: dalle ciliegie alle noci

Ciliegia: le ciliegie, e in particolare il succo di ciliegia, secondo una ricerca della Louisiana State University aiuta a dormire meglio. L’esperimento ha riguardato diversi adulti insonni ai quali sono stati somministrati 250 grammi di succo di ciliegia due volte al giorno per due settimane. Continua a leggere

Capelli colorati: la beauty routine per evitare secchezza e doppie punte

I capelli colorati sono difficili da gestire, soprattutto nel caso in cui si utilizzino tinture che contengono sostanze chimiche ed è così per la grandissima maggioranza delle tinture utilizzate nei saloni di bellezza, anche quelli che vi dicono che stanno utilizzando “tinture naturali”. Le conseguenze si vedono abbastanza presto: la tintura si “scarica” abbastanza rapidamente, ossia il colore tende a cambiare lavaggio dopo lavaggio e i capelli diventano più secchi.

Continua a leggere

Capelli forti con il coriandolo

Come rinforzare i capelli in modo naturale? Come ridare vitalità e consistenza a chiome in sofferenza, fragili e sfibrate? Il coriandolo o prezzemolo cinese rappresenta un valido rimedio per rafforzare il capello e possiede anche altre qualità per la cura del corpo. Naturalmente ricco di acidi grassi Omega-3 e 6 (i cosiddetti grassi buoni), proteine, flavonoidi , fibre alimentari e sodio, del coriandolo si usa a scopo cosmetico l’olio ricavato dalla spremitura dei suoi semi. Si tratta di un olio dall’aroma speziato, con note di frutta secca, di arancio e nocciola che oltre a essere gradevole all’olfatto fa bene alla salute dei capelli.

La pianta del coriandolo 

La pianta del Coriandrum sativum è un’erba aromatica tra le più antiche conosciute, le cui virtù erano note già agli antiche egizi. Anche i romani la usavano sia come erba medicinale che come aroma di cucina. Le foglie fresche e i  semi essiccati sono altra cosa dal coriandolo fresco, il cui odore e sapore polarizza le opinioni come poche altre erbe aromatiche: fresco e fragrante secondo chi lo apprezza, che sa di terra o peggio di muffa secolo chi non lo ama. Ma concentriamoci ora sulle capacità di rinforzare i capelli e sulle altre proprietà del coriandolo per la cura del corpo. Continua a leggere

Crema piedi, quale scegliere e come applicarla

La crema piedi ha un’importanza fondamentale quando si parla di pedicure. Eppure è uno dei prodotti cosmetici troppo spesso trascurati, tranne nel periodo estivo, quando sandali e infradito ci ricordano che è arrivato il momento di sistemare i talloni screpolati e dare un’aspetto decoroso alle unghie. E dire che i piedi sono la parte del corpo che ci sostengono, ci permettono di camminare e di sfoggiare meravigliose scarpe. Dovrebbero ricoprire un ruolo d’onore e invece vengono costretti tutto il giorno in calzature senza vedere via di uscita. La crema piedi è la coccola quotidiana da dedicare a piedi affaticati e stanchi: dà  sollievo a piedi e caviglie gonfie, idrata una pelle sottoposta a pressioni e sfregamenti, rinfresca l’epidermide tenuta per molte ore coperta senza respirare. Continua a leggere

Corallo del Giappone, materiale per gioielli davvero preziosi

Il corallo del Giappone è una varietà molto pregiata di corallo, originaria come suggerisce il nome del Paese asiatico. Nel nostro Paese è arrivato tra Ottocento e Novecento, e veniva lavorato soprattutto a Torre del Greco in provincia di Napoli.

Caratteristiche e tipologie del corallo del Giappone

Appartiene alla specie Paracorallium japonicum e solitamente viene pescato ad una profondità di oltre 200 metri. In seguito alla pesca viene tagliato e lavorato, e usato soprattutto per la produzione di monili. Continua a leggere

Tulle: un tessuto nobile e versatile

Il tulle è un tessuto molto leggero e quasi trasparente, costituito da fili molto sottili che formano maglie o fori e creano una sorta di rete fittissima. Il nome viene dalla cittadina francese Tulle, in Corrèze, dove tra l’altro ogni anno si svolge il Festival internazionale del merletto. A Tulle operavano i “tullistes”, i produttori di tulle, che lo producevano a mano ed era molto in voga alla corte di Luigi XVI. In particolare in quel periodo si parlava di “point de tulle”, una tecnica di riempimento ad ago, formata da briglie semplici o doppie che formano un reticolato regolare di fili sottili, ma solidi.

Il tulle può essere semplice, senza disegni, oppure chiazzato (per esempio con punti pieni disposti a intervalli regolari), rigato, a strisce, punteggiato, rigato, operato, da cortinaggi ed elastico. All’epoca di Luigi XVI era spesso ricamato con motivi floreali delicati. Continua a leggere

Cibi abbronzanti e… anti invecchiamento

Cibi anti invecchiamento che salvaguardano la pelle del nostro viso. Alimenti che d’estate aiutano ad abbronzarsi e tutto l’anno preservano dall’effetto del tempo. Gli alimenti anti invecchiamento che fanno bene alla pelle sono quelli contenenti sali minerali, polifenoli e altri antiossidanti naturali e quelli che contengono beta-carotene e acidi grassi polinsaturi (Omega 3, Omega 6) come il pesce.

Tra i sali minerali che svolgono una efficace funzione anti age ci sono calcio, ferro, zinco, magnesio, fosforo, potassio e selenio. Tornando al betacarotene questo è un precursore della vitamina A che favorisce la produzione di melanina, pigmento che determina la colorazione della pelle esposta ai raggi del sole. Continua a leggere