Evitare gli sprechi: i cibi che si possono congelare senza problemi

Quante volte capita di dover gettare nella spazzatura del cibo perchè scaduto o non più buono da mangiare? Per evitare sprechi alimentari il freezer può venire in nostro aiuto. Andiamo quindi alla scoperta dei cibi che (inaspettatamente) si possono congelare.

Cibi che si possono congelare: burro

Il burro solitamente ha una scadenza abbastanza lunga, ma se questa non fosse sufficiente sappiate che è un prodotto che si può congelare: in freezer, tenuto nel suo incarto, si conserva per 6 mesi circa al massimo.

Continua a leggere

La frutta e la verdura da comprare in autunno

Cadono le foglie, il clima si fa più freddo, ma in autunno la nostra tavola si fa ricca: scopriamo insieme le dritte per la spesa autunnale, tra frutta e verdura di stagione.

Spesa autunno: frutta

Uva

Sali minerali, vitamine, zuccheri, antiossidanti e flavonoidi: ecco perché l’uva fa così bene alla salute (soprattutto a quella del nostro cuore, fegato e intestino). E’ anche un ottimo ingrediente per preparare numerosi dolci, ma anche per primi e secondi piatti dal sapore insolito.

Continua a leggere

Vendemmia 2018, CIA: “Annata buona per quantità e qualità”, con alcune eccezioni

Ci si attende una produzione di circa 48 milioni di ettolitri: è questa la buona notizia diffusa dalla Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) per quanto riguarda la vendemmia 2018.

Sarà, dunque, una vendemmia migliore rispetto a quella del 2017, nonostante il maltempo di agosto, che ha colpito gravemente alcune regioni, in particolare la Puglia, che, invece, teme che la campagna vitivinicola sia a rischio (ne parliamo qui sotto).

La raccolta delle uve e la produzione di vino quest’anno registrerà, secondo la CIA, un incremento in volume e anche un miglioramento della qualità. La produzione nazionale si dovrebbe attestare sui circa 48 milioni di ettolitri di vino, con una crescita media compresa tra il 10% e il 15% e punte del 30% in Sicilia e del 25% in Veneto. Continua a leggere

Il commercio online cresce del 13,6% rispetto al 2017

L’Istat, Istituto nazionale di statistica, ha pubblicato oggi i dati relativi all’andamento del commercio al dettaglio a luglio 2018 e nel emerso che il dato più positivo lo ha registrato il commercio online. Rispetto a luglio 2017, infatti, si è registrato un incremento del 13,6% delle vendite via Internet, mentre il commercio tradizionale ha registrato un -0,6% complessivo delle vendite in valore e un -1,8% di quelle in volume.

L’Istat sottolinea dunque la sostenuta crescita del commercio elettronico, mentre, a livello tendenziale, il valore delle vendite al dettaglio è in lieve calo, dello 0,1% e per le imprese che opera su piccole superfici tale diminuzione è un po’ più consistente, ossia dell’1,5%. Continua a leggere

Mobili e Brianza, un’affascinante storia italiana

Nonostante nell’ultimo ventennio abbia dovuto affrontare una profonda crisi in Brianza il comparto del mobile continua a portare avanti il suo lavoro, puntando sulla qualità e sul valore della manodopera, aggiungendo sempre nuovi capitoli alla sua affascinante storia.

Una storia che affonda le sue radici nell’Ottocento: come spiega Storie Dimenticate la lavorazione del legno iniziò a diffondersi all’inizio del secolo tra i contadini brianzoli, che gradualmente abbandonarono la poco redditizia agricoltura e la altrettanto poco redditizia tessitura, che veniva svolta nei mesi di pausa agricola, per dedicarsi a questo nuovo impiego. Questo avvenne per una questione economica e perché in quel periodo vennero costruite nella zona numerose ville nobiliari, come Villa Tittoni a Desio o la stessa Villa Reale di Monza, che avevano bisogno di arredi (per i nobili era molto più conveniente commissionarli in loco). Continua a leggere

PAT: le categorie di prodotti agroalimentari tradizionali italiani

Il PAT (prodotti agroalimentari tradizionali italiani) è un riconoscimento che viene predisposto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con le singole regioni. Introdotto nel 1999 identifica tutti quei prodotti che vengono ottenuti utilizzando metodi di lavorazione, conservazione e stagionatura «consolidati nel tempo, omogenei per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai 25 anni», come spiega il MiPAAF. Sono quindi tutti quegli alimenti e bevande legati profondamente ad un territorio molto ristretto, nonché unici nel loro genere. Continua a leggere

Fillossera, l’insetto che spaventa i viticoltori

La fillossera è il nome con cui si identifica una malattia che colpisce le viti, ma anche il leccio e la quercia, causata insetti fitofagi (fillossera della vite e della quercia) appartenenti alla famiglia dei Phylloxeridae.

La fillossera della vite, originaria del Nord America, è arrivata nella seconda metà dell’Ottocento in Europa, provocando nel giro di pochissimi anni danni ingenti alla vitivinicoltura. Questo afide infatti depone, sul finire dell’estate, un uovo sul ceppo, che si schiude in primavera dando vita alla cosiddetta fondatrice. Continua a leggere

TTIP: cos’è e a cosa serve il trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti

L’acronimo TTIP sta per Transatlantic Trade and Investment Partnership (in italiano Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti). Si tratta di un accordo commerciale di libero scambio tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti ancora in via di definizione, i cui lavori sono in corso dal 2013.

Se venisse approvato sarebbe un accordo di importanza storica, anche considerato che la somma del PIL di UE e USA corrisponde al 45% circa del PIL mondiale. Continua a leggere

Annata del grano 2018, Cia-Agricoltori italiani: “Il comparto è in crisi, prezzi bassi e semine al palo”

Non sono purtroppo confortanti i primi dati relativi alla campagna produttiva 2018 nel comparto del grano duro in Italia, anzi, secondo Cia-Agricoltori Italiani, la situazione è proprio critica nel nostro Paese.

Gli ettari seminati restano 1,3 milioni, ossia più o meno gli stessi della precedente campagna produttiva, c’è stato un timido aumento nella produzione, intorno al 2%, e il raccolto è di circa 4,3 milioni di tonnellate, ma il problema grave riguarda i prezzi di mercato, che sono sempre intorno ai 200 euro a tonnellata e restano dunque molto al di sotto dei costi di produzione. Continua a leggere

Che cosa si intende per “artigianalità” e l’evoluzione del suo significato

Per artigianalità si intende la particolare manifattura e/o produzione di tutto quello che non è stato prodotto industrialmente ed è stato invece realizzato con lavoro prevalentemente se non esclusivamente manuale da parte di artigiani. Il significato di artigianalità più antico rinvia a una vera e propria forma di arte: ricordiamo incidentalmente che nella Grecia di epoca classica, parliamo in particolare del V-IV secolo Avanti Cristo, il significato di artigianalità era racchiuso in una parola – technè – che comprendeva insieme artigianato ed arte, proprio a dimostrare come arte e artigianato siano legate a doppio filo fin dai tempi più remoti. Continua a leggere