Indossare la natura, dall’abbigliamento ai gioielli 

indossare la natura

Primavera, stagione di colori pastello, di capi d’abbigliamento leggeri e pratici, di tessuti naturali freschi e comodi come cotone e seta, lino e canapa. “Indossare la natura” in primavera è sicuramente più facile che durante la stagione fredda.  

Tra i capi d’abbigliamento evergreen per Lei, ad esempio un poncho o una stola in canapa, fibra che oltre a essere molto fresca è anche super resistente, l’ideale per la stagione primaverile, sia per una mise casual che più formale.

Continua a leggere

Acido linoleico: perché fa bene e in quali alimenti trovarlo

Alimenti che contengono acido linoleico

L’acido linoleico è il più conosciuto degli Omega 6, una famiglia di acidi grassi polinsaturi che sono molto importanti per l’organismo umano, anche se sono meno noti e osannati degli Omega-3, ma altrettanto fondamentali e soprattutto molto utili per il metabolismo e per prevenire alcune malattie.

Ci sono degli studi, infatti, che dimostrano che l’acido linoleico ha un ruolo nella diminuzione del rischio di morte prematura. Lo hanno sottolineato dei ricercatori dell’Università della Finlandia orientale in uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition. Continua a leggere

Design del riuso: accessori moda amici dell’ambiente

Design del riuso accessori moda amici dell'ambiente

Quando un accessorio può definirsi eco-friendly ossia amico dell’ambiente? Potremmo dire che lo è quando ha queste caratteristiche: è prodotto usando materie prime naturali e all’insegna del risparmio energetico oppure quando è ottenuto attraverso il riciclo. Quando si parla di riciclo si può intendere o l’utilizzo di materie effettivamente riciclate oppure si può anche intendere come “riuso”.

In particolare nel caso degli accessori moda (ma anche in altri settori come per esempio quello dell’home decor) si parla di riuso creativo e consiste nel dare una seconda vita a materiali che già ne hanno avuta una, ossia che sono già stati utilizzati per un fine completamente diverso e che ora andrebbero buttati, ma, invece di gettarli via, si trova un modo creativo, appunto, per riutilizzarli. Continua a leggere

Pulizie green di primavera: i prodotti giusti per detergere casa

pulizia green di primaveraPrimavera tempo di grandi pulizie domestiche. Avere una casa pulita e profumata è quello che tutti vogliamo, ma come detergere e disinfettare ambienti e superfici senza usare prodotti chimici aggressivi? La natura ci viene in soccorso con detergenti a base di estratti vegetali dalle note qualità antisettiche, antibatteriche, sgrassanti e pulenti. 

Detergenti e sgrassatori ecologici per vere pulizie green, per una casa che oltre ad essere candida profumerà di fresco. Tutti conosciamo le miracolose virtù pulenti di aceto, bicarbonato di sodio e limone. Il bicarbonato poi è ottimo anche per togliere i cattivi odori, dal frigo così come dalla scarpiera, ad esempio. 

Continua a leggere

Perché le piante domestiche sono un toccasana per il corpo e la mente

Piante domestiche benefici

Avere delle piante in casa fa bene non solo da un punto di vista meramente decorativo, ma anche per rendere l’ambiente più allegro, più rilassante e più salutare. Ci sono numerosi studi che dimostrano gli effetti positivi delle piante sia sul corpo sia sulla mente.

Alcune piante è consigliato tenerle anche in camera da letto, soprattutto nel caso in cui si soffra di allergie. L’aloe vera, l’edera o il falangio, per esempio, purificano l’aria, ne migliorano la qualità e anche il livello di umidità, aiutando così a ridurre i disturbi derivanti da allergie e altri tipi di problemi alle vie respiratorie. Continua a leggere

Fave: le grandi qualità del legume tipico primaverile

fave legume primaverile

Legume tra i più apprezzati e tra i più nutrienti, le fave, fresche o secche, oltre a prestarsi alla preparazione di diversi piatti, dalle torte rustiche ai primi fino ai contorni, racchiudono diverse proprietà benefiche per il nostro organismo.

Certo, poterle mangiare fresche, come in questo periodo dell’anno, è tutta un’altra cosa sia per il palato sia perché, specie se consumate crude, contengono più principi nutrizionali e sono meno caloriche di quelle secche.

Continua a leggere

Orto sul balcone, come realizzarlo in 5 semplici mosse

orto sul balcone

Coltivare un orto sul proprio balcone oltre ad essere un hobby molto rilassante è anche un modo per ottenere ottime verdure, piante aromatiche ed erbe per tisane a chilometro 0 (anzi, si potrebbe dire a metro 0) e sicure, visto che per farle crescere non si utilizzeranno pesticidi o prodotti chimici, proprio come insegna l’agricoltura biologica. Organizzarne uno è molto semplice, e non serve nemmeno avere grandi spazi a disposizione: bastano vasi, anche da appendere, terra, guanti, annaffiatoio, rastrello e ovviamente una buona dose di pollice verde! Ma come procedere? Ecco cinque utili consigli da seguire.

La scelta degli spazi

Prima di tutto l’angolo del terrazzo o del balcone che vogliamo adibire ad orto deve essere scelto accuratamente perché le piante hanno bisogno di ricevere l’esposizione solare almeno per sei ore al giorno.

Continua a leggere

Transumanza, una tradizione secolare candidata patrimonio immateriale dell’Unesco

transumanza

La transumanza, che oggi viene praticata soprattutto nel Centro e nel Sud Italia ma anche nell’area alpina, è la migrazione stagionale delle greggi e delle mandrie: i pastori, insieme con i loro cani e i loro cavalli, si spostano nella stagione estiva dai pascoli che si trovano in zone collinari o montane verso quelli delle pianure, e vi rimangono nella stagione invernale. Gli spostamenti vengono fatti su vie chiamate tratturi, e lungo il tragitto si effettuano anche alcune soste in luoghi prestabiliti, noti come stazioni di posta.

Si tratta di una pratica tradizionale ma anche di un elemento culturale, dal forte contenuto identitario, che ha saputo creare forti legami sociali e culturali tra chi la pratica e i luoghi che vengono attraversati. Ma non solo: la transumanza è anche un’attività economica sostenibile, che mette al primo posto il rapporto tra uomo e natura.

Continua a leggere

L’allevamento amico della natura: perché passare al biologico è meglio

La maggior parte dei prodotti di origine animale oggi proviene da allevamenti intensivi, una modalità orientata alla massima resa possibile che non tiene conto delle esigenze di bovini, ovini e suini, e che ha un forte impatto anche sull’ambiente circostante. Fortunatamente però esiste un’alternativa, molto più sostenibile ed etica, ovvero l’allevamento biologico, per ottenere carne, latte e derivati di maggiore qualità.

Nel caso dell’allevamento biologico, a differenza degli allevamenti di tipo intensivo, il benessere dell’animale viene sempre prima di tutto: come previsto dal decreto ministeriale n. 91436 del 4 agosto 2000 (che attua il regolamento CE n. 1804/99) il bestiame deve essere alimentato con cibi provenienti da agricoltura biologica, prodotti dalla stessa azienda o da altre strutture sempre biologiche. Meglio ancora se si allevano gli animali lasciando loro la libertà di nutrirsi con quello che trovano in natura, come nel caso del maiale brado di Norcia

Continua a leggere

Giardini verticali: il bello del verde sui muri di casa

Giardini verticali sui muri di casa

In città sono sempre più frequenti i giardini verticali, che aiutano ad avere tanto verde ottimizzando gli spazi. A volte “occupano” intere pareti esterne, altre volte sono posti sul balcone dove trovano spazio anche gli orti verticali, ma chi non ha spazi esterni il giardino può portarselo in casa.

Esistono infatti soluzioni molto creative e funzionali grazie alle quali si possono appendere le piante in casa quasi come se fossero dei quadri, dei quadri vegetali appunto, con tutti i benefici che ne conseguono per l’ambiente, sia da un punto di vista estetico sia per la qualità dell’aria, grazie alla presenza delle piante. Continua a leggere