Spazzole artigianali per capelli forti e sani

Spazzole artigianali

Spesso ci si interroga su quali prodotti sia meglio utilizzare per risolvere i tanti problemi dei capelli, dalla caduta alle doppie punte fino ai capelli crespi, secchi o troppo grassi, ma si commette un errore banalissimo: si sbaglia spazzola. Sì perché essa si può rivelare ancor più importante dello shampoo e del balsamo, se non si sceglie quella più adatta ai propri capelli si rischia di rovinare gravemente i capelli e danneggiare anche il cuoio capelluto.

Proprio dalla salute del cuoio capelluto dipende la bellezza della chioma e dunque esso va massaggiato in modo da stimolare la circolazione sanguigna. Per farlo basta sapersi spazzolare, ovviamente con la spazzola perfetta per le proprie esigenze. Le spazzole artigianali sono senza dubbio le migliori in circolazione perché non sono fatte di plastica, un materiale che produce un fastidioso effetto a causa dell’elettricità statica. Sono invece realizzate con materiali come legno o corno e setole naturali. Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Detersivi ecobio per un bucato pulito e amico dell’ambiente

I vantaggi di acquistare detersivi ecobio per il bucato di casa sono duplici: sono sicuri per la salute della famiglia e sono amici dell’ambiente. Grazie alla loro formula composta da tensioattivi ricavati da materie prime vegetali e fonti rinnovabili, i detersivi ecologici permettono di lavare in modo efficace i panni rispettando l’epidermide e l’ambiente. Questi prodotti sono profumati grazie ad una miscela di oli essenziali naturali, come ad esempio l’olio di lavanda, menta e agrumi, che danno al bucato una freschezza tutta naturale. Per chi non ama particolari profumazioni sono disponibili anche le versioni senza profumo.

Inoltre, i detersivi ecobio sono concentrati e completamente biodegradabili, ovvero non contribuiscono all’inquinamento delle acque di scarico. Altro fattore fondamentale è quello della salute: questi prodotti, con cui quotidianamente si lavano indumenti e accessori che ogni giorno entrano a contatto con l’epidermide, sono dermocompatibili.

Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Dalla stella alpina al miele di melata: tutti i migliori antinfiammatori naturali

antinfiammatori naturali

Bergamotto, stella alpina, latte d’asina, miele di melata: sono solo alcuni tra i migliori antinfiammatori naturali, che possono dare una grande mano al nostro benessere. Scopriamoli insieme!

Bergamotto

Il bergamotto è un agrume preziosissimo: questo frutto, coltivato principalmente in Calabria, è ricchissimo di sostanze benefiche come vitamine e sali minerali, e il suo olio essenziale è un vero toccasana per contrastare le infezioni delle vie respiratorie – tipiche del periodo invernale – grazie alla sua azione antisettica e antinfiammatoria, utile anche contro i disturbi dell’apparato urinario.

Curcuma

Conosciuta anche come zafferano delle Indie la curcuma, che è uno degli ingredienti principali del curry, è da tempo utilizzata per le sue proprietà antidolorifiche e antibatteriche. Quest’azione è possibile grazie alla presenza di curcumina, un potente antiossidante.

Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Il recupero dei “grani antichi”

La storia dei cereali è intrinsecamente legata a quella dell’umanità. Circa diecimila anni fa fu proprio lo sviluppo dell’agricoltura a trasformare l’uomo da nomade a sedentario e a consentire la nascita delle prime città. Tra le colture, quella del grano è certamente la regina, o per lo meno, quella che più di ogni altra rappresenta l’attività contadina nell’immaginario collettivo.

La lunghissima tradizione della coltura del frumento ha prodotto nel corso della storia numerosi interventi volti a “piegare” la natura di questo cereale alla comodità d’uso umana. Oggi, al culmine dell’opera di asservimento della terra da parte della specie umana (basti pensare alle polemiche sugli ogm), assistiamo a un ritorno ai cosiddetti “grani antichi”, con particolare riferimento ad alcune varietà di frumento ottenute con incroci nel XIX e XX secolo e da allora mai più ibridate dopo il primo incrocio. Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Il latte d’asina e le sue mille virtù per la pelle e la salute

Latte di asina

Il latte d’asina è molto prezioso perché ha numerose virtù che lo rendono estremamente utile sia nel settore alimentare sia in quello cosmetico. In molti avranno sentito le storie su alcune note bellezze come Cleopatra o Poppea che erano solite fare il bagno nel latte d’asina, ebbene, questo perché fin dall’antichità l’uomo ha capito l’importanza di questa sostanza ed è stato capace di sfruttarla.

Una delle sue caratteristiche principali è che è il latte più simile a quello umano insieme a quello di vacca, ma, a differenza di quest’ultimo, è più nutriente, è il più ricco di lattosio in assoluto (anche rispetto al latte umano), fa ingrassare di meno perché, pur contenendo le stesse calorie del latte vaccino, stimola il metabolismo in modo da bruciarne di più.
Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Artigianato: spina dorsale dell’economia italiana

L’anima dell’Italia è artigiana. È sufficiente dare uno sguardo ad alcuni dati per comprendere il “peso specifico” del comparto, che assurge al rango di dorsale economica.

È ormai chiaro a tutti che il nostro Paese regga sul lavoro svolto dalle micro imprese, il 94,8% delle aziende totali. Piccolo è bello, insomma: queste piccole realtà sono costituite da meno di 10 dipendenti, con fatturato o totale di bilancio non superiore a 2 milioni di euro. Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Il bergamotto, l’oro verde della Calabria che fa bene alla salute

bergamotto

In Calabria lo chiamano, a ragione, oro verde, visto che in questa regione si concentra l’80% della sua produzione mondiale: parliamo del bergamotto, un agrume prezioso e ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo. Caratterizzato da un intenso colore giallo-verde brillante il bergamotto, di cui non si conoscono le origini precise, come aspetto ricorda il pompelmo, ma ha dimensioni molto più piccole.

Viene coltivato principalmente lungo la costiera ionica nella provincia di Reggio e nella zona di Melito di Porto Salvo, Prunella e Caredia, in tre cultivar, ovvero femminello, più produttivo ma con frutti di dimensioni minori, castagnaro, con frutti più grossi e rugosi, e fantastico. La produttività è fortemente influenzata dalle condizioni climatiche, in particolare dalle piogge e dalla temperatura (la pianta non sopporta il freddo e la piovosità scarsa o troppo abbondante), mentre la raccolta avviene nei mesi invernali, tra ottobre e marzo.
Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Pannolini lavabili in materiali naturali: perché sceglierli

Pannolini lavabili

Quale pannolino per i propri figli? Scegliere i pannolini lavabili, realizzati con fibre e materiali naturali, è la migliore scelta che i genitori possono fare se si considera che: a) sono ecologici, rispettano l’ambiente; b) sono più economici perché se è vero che all’inizio la spesa sembra maggiore, i pannolini lavabili possono essere riutilizzati più e più volte, per un risparmio finale davvero considerevole.

Inoltre i lavabili non fanno aumentare la temperatura interna del pannolino a contatto con la pipì anche col passare delle ore, evitando irritazioni e altri disturbi tipici dei pannolini tradizionali usa e getta. Insomma i pannolini lavabili in materiali naturali si prendono al meglio cura della pelle dei bambini e al contempo fanno risparmiare mamma e papà. Due buoni motivi per sceglierli.

Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Pelli sensibili, proposte eco-bio per il nostro corpo

Con l’arrivo dell’inverno e dei primi freddi, la nostra pelle comincia a presentare segni di rossore e secchezza. Per questa ragione è fondamentale prendersene cura e coccolarla con i prodotti giusti. Subito dopo il bagno o la doccia, quando la pelle è stata appena asciugata, ma ancora umida e quindi più predisposta all’assorbimento dei prodotti, è caldamente consigliato l’uso di un latte corpo che idrati e nutra l’epidermide. Affinché il prodotto porti buoni risultati, è bene controllare l’INCI degli ingredienti: preferite sempre prodotti eco-bio, possibilmente artigianali, realizzati senza l’uso di sostanze chimiche e con soli ingredienti naturali.

Continua a leggere

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page