Le zucche decorate arredano la casa “naturalmente”

zucca-decorata-1

L’arancio e’ il colore dell’autunno e della zucca! Eccellente e versatile ortaggio che viene impiegato in cucina per gustose ricette sia salate che dolci. Si dice che la zucca abbia affrontato un lungo viaggio insieme alla patata, il peperone e il pomodoro dall’America a noi grazie a Cristoforo Colombo che scoprì con il suo itinerario il nuovo mondo e le sue nuove ricchezze.

La zucca è così oggi protagonista di ricette di grandi chef e non solo, infatti, aprendo un libro di fiabe la possiamo trovare anche in una sua scena. La si pensi nella storia di Cenerentola che grazie ad una grossa zucca poté raggiungere il ballo dove conobbe il principe. Grandi, piccole, bitorzolute se ne trovano di tutte le forme! Le zucche sono così diventate anche un oggetto di home decor rallegrando i nostri angoli di casa con un tono autunnale. Le zucche ornamentali si mantengono bene per due o tre mesi e volendo possiamo provare anche a seccarle.

Per seccarle basterà scegliere zucche di piccole/medie dimensioni questo perché contengono meno acqua. Il primo passaggio sarà quello di pulire la loro superficie e subito dopo quella di farle asciugare in un luogo arieggiato senza luce del sole diretta. Distanti luna dall’altra e meglio se appese con un filo al picciolo. Una volta asciutte andranno riposte in un luogo buio per qualche mese fino a quando non diventeranno dure avendo la cortezza di scartare quelle che hanno creato della muffa e girarle ogni due settimane.

Così ho fatto con le mie zucche che ho seminato a fine aprile mettendo i semi direttamente in terra in piccole buchette. Con grande sorpresa poco dopo sono nate tante belle zucche che ho raccolto a fine estate. Una volta essiccate con il procedimento sopra descritto le ho dipinte e decorate. Buffe e versatili le nostre care zucche!

L’autrice di questo articolo è la nostra amica Carlottina

zucche-colorate-3

zucche-colorate-2

zucche-colorate-1

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *