Cambio di stagione, come organizzare al meglio il guardaroba

Il cambio di stagione è una di quelle attività che, se si potesse, si rimanderebbero all’infinito perché è sempre fonte di grande stress. Ma per non ritrovarsi a luglio con i maglioni invernali che vagano nell’armadio (rubando il posto ad altri capi più leggeri e pratici) tocca armarsi di pazienza e rimboccarsi le maniche. Se poi seguirete questi 5 consigli infallibili mettere a posto il guardaroba non sarà più un problema!

In compagnia è meglio

Se il cambio di stagione si fa insieme a qualche amica, o al partner, si ottimizzano sicuramente i tempi. In alternativa per un po’ di compagnia si può ascoltare il disco del proprio artista preferito oppure accendere la radio, in modo che in casa non ci sia silenzio assoluto.

Pulizia prima di tutto

Svuotate completamente l’armadio, in modo da liberare tutti i ripiani e passate uno straccio bagnato con acqua e un pizzico di sapone di Marsiglia. Una volta che i ripiani e gli scomparti saranno asciutti mettete nei cassetti e negli angoli i classici sacchetti profumati per la biancheria. 

LA SELEZIONE DEgli abiti

Approfittate del cambio di stagione per fare una piccola selezione tra i vostri vestiti, mettendo da parte quelli che non vi piacciono, quelli che non indossate – e non indosserete più – e quelli troppo rovinati. Se ancora in buone condizioni potete portarli in un negozio dell’usato oppure, meglio ancora, donarli ad una associazione di beneficenza.

come riPORRE I VESTITI

Dopo aver lavato e asciugato accuratamente gli abiti da riporre fino alla stagione successiva, ripiegateli con cura e inseriteli all’interno delle apposite scatole. I maglioni invece, nel cambio di stagione primaverile, è meglio sigillarli all’interno di quei sacchetti sottovuoto da aspirare con l’aspirapolvere.

PER UN ARMADIO SEMPRE IN ORDINE

Nel guardaroba per una maggiore praticità – e per tenerlo sempre in ordine fino al cambio di stagione successivo – è sempre bene dividere gli abiti per tipologia e funzione (es. vestiti da lavoro, per stare in casa, per il tempo libero) e tenere a portata di mano quelli che si utilizzano più frequentemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *