La dieta come aiuto nella cura delle allergie

La primavera è una delle stagioni più temute dagli allergici: complice il risveglio della natura, gli effetti nocivi dei pollini (specie quelli delle graminacee) si fanno sentire. In questi casi può tornare utile una dieta contro l’allergia di turno: un modo corretto di mangiare e scegliere gli alimenti inibitori di starnuti, occhi rossi e dermatiti. La presenza di tossine nell’organismo, infatti, abbassa le difese immunitarie dell’organismo e favorisce la comparsa dei sintomi allergici. Un adeguato piano di disintossicazione può aiutare a ridurli e contenerli.

La primavera è, non a caso, anche la stagione migliore per depurare il fegato. Per tutti, ma soprattutto per gli allergici. La natura offre alimenti stagionali che favoriscono la depurazione epatica, come le erbe di campo amare. Una su tutte le cicoria, più facile da digerire dell’insalata perché contiene tonici amari, è diuretica, epaprotettiva, disintossicante e stimola la circolazione venosa. Le altre verdure che hanno una funzione simile sono i carciofi, la catalogna e il dente di leone.

Dieta contro l’allergia, l’alimentazione corretta

Altro ortaggio salva-allergia è la barbabietola, particolarmente disintossicante e ricostituente: rafforza la mucosa gastrica e facilita la digestione, stimola la produzione di globuli rossi, previene e contrasta l’anemia. Se state seguendo una dieta ipocalorica fate attenzione alle quantità, perché è una verdura molto zuccherina, che contiene più calorie di un qualsiasi altro ortaggio. Nella lista degli alimenti anti-allergici e depurativi non poteva mancare l’asparago, che contiene antiossidanti naturali, minerali e sostanze antinfiammatorie. Inoltre è diuretico, poco calorico e contrasta la ritenzione idrica. Ideale se consumato con proteine magre, come le uova o il tofu per i vegani.

Se soffrite di rinite allergica provate a mangiare i capperi: secondo una ricerca dell’Università di Catania sono un ottimo alimento antiallergico. Lo studio, pubblicato sulla rivista ufficiale dei cosmetologi americani, Journal of Cosmetic Science, descrive le proprietà degli estratti di Capparis spinosa, pianta nota fin dall’antichità e rinomata nella cucina mediterranea, in particolare a Pantelleria. Meglio preferire i capperi non sotto sale, soprattutto se si soffre di ipertensione e ritenzione idrica. In caso di congiuntivite e rinite occorre inoltre assumere molti antiossidanti e vitamine, evitare i cibi precotti o industriali e diffidare da tutti gli alimenti che contengono “aromi naturali”, dietro cui si celano spesso degli allergizzanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *