Pesce fresco di stagione, comprare e consumare in modo sostenibile

Consumare pesce fresco di stagione è importante sia per la salute che per l’ambiente. Solo nel Mediterraneo circa il 90% degli stock ittici sono pescati in modo eccessivo e con metodi di pesca distruttivi e non sostenibili. La buona notizia è che consumare il pesce in modo sostenibile è possibile: scegliendo in base alla stagionalità (perché anche i prodotti ittici seguono un calendario come la frutta e la verdura di stagione) e alle specie meno consumate e conosciute. Secondo Greenpeace le domande da porsi prima di acquistare del pesce sono:

  • È pesce di stagione?
  • L’etichetta è completa?
  • È stato pescato in modo sostenibile?
  • È stato pescato in Italia?
  • È una specie in declino?
  • È della taglia giusta?

 

Pesce fresco di stagione, calendario stagionale

In primavera il pesce da acquistare per un consumo sostenibile include queste specie: tombarello, sugarello, spigola o branzino, sgombro, scorfano, pesce San Pietro, sarago maggiore, palamita, orata, mormora, cefalo, aguglia. In estate si aggiunge alla lista la ricciola, in autunno e in inverno i calamari, la lampuga, l’ombrina e la seppia. Tutte le altre specie, tra cui pesce spada, verdesca, spinarolo, tonno rosso, gambero rosa, cernia bruna del Mediterraneo sarebbero da evitare, o quanto meno ridotte in termini di consumo, sia a causa della pesca intensiva che mette a repentaglio la specie stessa, sia per metodi di pesca illegali.

Ci sono inoltre specie a rischio estinzione a causa della distruzione dei loro habitat naturali, come nel caso della cernia bruna del Mediterraneo, scomparsa in molte aeree anche a causa della pesca intensiva. Paradossalmente molte delle tipologie che andrebbero evitate sono anche i prodotti ittici più richiesti e pregiati: è proprio per questo motivo che il consumatore può fare la differenza. Consumare meno e consumare meglio è l’unico modo per mantenere in equilibrio un ecosistema molto delicato. Come? Scegliendo il pescato locale, fresco e di stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *