Depurarsi con le radici di genziana

Le radici di genziana sono la parte “edibile” di questa pianta erbacea perenne originaria dell’Europa centrale e meridionale dalle diverse proprietà benefiche, diffusa in Italia prevalentemente nell’arco alpino e sull’Appennino abruzzese dove da tempo immemore è ingrediente base di liquori e bevande alcoliche.

La genziana lutea

La gentiana lutea L. è una pianta officinale della famiglia della Gentianaceae che fiorisce in estate ed è conosciuta soprattutto per le sue qualità digestive. Molto bella anche a vedersi, non di rado usata come pianta ornamentale, la genziana è considerata il digestivo naturale per eccellenza, grazie ai suoi principi attivi più importanti cioè l’amarogentina e la genziopicrina, contenuti nelle radici, che le conferiscono il tipico sapore amaro e le qualità eupeptiche ma non solo.

Tisane e decotti depurativi a base di radici di genziana

Ma le radici di genziana oltre a favorire la digestione – perché stimolano la produzione di succhi gastrici – hanno anche altre proprietà benefiche: favoriscono l’appetito, hanno proprietà depurative e grazie alla genziopicrina agevolano pure la mobilità gastrica. La genziana è inoltre un febbrifugo e un cicatrizzante naturale. In virtù di queste sue proprietà la genziana è ottima per preparare infusi, tisane e altre bevande depurative e purificanti.

Come ad esempio gli infusi alle radici di Genziana, semplici e veloci da preparare quanto efficaci: bastano 5 grammi di radice secca di genziana messi dentro mezzo litro di acqua bollente, da far poi raffreddare e bere a temperatura ambiente o anche dal frigorifero.

Per un decotto depurativo a base di radici di genziana il procedimento è un po’ più lungo e articolato ma il risultato finale ripaga ampiamente il tempo speso: si uniscono circa 50 grammi di radice di genziana a 25 grammi di corteccia di arancio amaro e a 10 grammi di calamo aromatico a macero in 500 grammi di alcool a 60° per cinque giorni. Dopodiché si filtra e si unisce il tutto, a caldo, con 500 grammi di sciroppo di china ed ecco che il nostro decotto purificante è pronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *