Le paste “speciali” per una sana alimentazione

Immancabile almeno una volta al giorno sulle nostre tavole, la pasta è il vero amore degli italiani in cucina. Dietro una buona pasta ci sono sempre materie prime eccellenti, per prodotti finiti di qualità come quelli attentamente selezionati da Artimondo (che potete trovare nel negozio dedicato alla pasta), ideali per integrare e variare in modo sano la vostra alimentazione. 

A parte la classica farina di grano duro si possono usare, per fare la pasta, tante ottime alternative: dalle farine integrali a quelle senza glutine, dalla farina di grano saraceno a quella di farro e kamut, fino a quelle di legumi. Ultimamente stanno conoscendo una nuova giovinezza le farine ricavate dai primi cereali che sono stati coltivati dall’uomo, come orzo (che pare sia stata il primo in assoluto) e farro. Il sapore di quest’ultimo in particolare è del tutto simile a quello della farina di frumento ma il farro ha maggiore potere saziante. La farina  di kamut invece ha una consistenza più leggera ed è buona non solo per fare la pasta ma anche per realizzare prodotti da forno dolci. 

Delle farine alternative al grano per fare la pasta ne abbiamo parlato con Luisa, artigiana di Artimondo che ci ha svelato qualche segreto sulla lavorazione:

Noi produciamo pasta bio, trasformando sia le classiche farine di grano duro, sia farine alternative come quella di kamut, come quella senza glutine, di grano saraceno o di legumi. Trasformiamo circa 20 farine diverse, in base anche alle proprietà dei cereali, alcune sono macinate a pietra altre no. Gli ingredienti sono rigorosamente di origine italiana che poi trasformiamo nel nostro laboratorio artigianale: la pasta corta è trafilata al bronzo, quella lunga è lavorata a temperatura ambiente.

Le farine di legumi in particolare, ancora poco conosciute, sono molto preziose per il nostro benessere:

Abbiamo pensato ai celiaci ma non solo, in modo da offrire a tutti un prodotto da alternare nella propria dieta. Questo tipo di farina di legumi oltre che senza glutine, quindi indicata per chi non può assumerne, ha altre proprietà ed è molto proteica. La pasta che se ne ricava, anche se condita solo con un sugo di verdure, ha un alto valore nutrizionale. Un po’ come per le farine fatte con quinoa o amaranto, super nutrienti, che soddisfano anche le esigenze dei vegani.

Per quanto riguarda infine la differenza tra la pasta artigianale e quella industriale:

La differenza sta in definitiva nella qualità delle nostre farine, prodotte a partire da materie prime sceltissime prese da fornitori locali di fiducia, ben selezionati. Il prodotto viene macinato/trasformato e messo in commercio subito dopo la lavorazione. Questo dal punto di vista del gusto e qualitativo fornisce un valore aggiunto: il prodotto è fresco e biologico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *